Varese, Paris (Pd): “Rivalutare le professionalità dell’amministrazione comunale”

Il segretario cittadino dei Democratici punta ad una macchina amministrativa più efficiente

19 maggio 2016
Guarda anche: Elezioni comunali 2016PoliticaVarese Città
Marantelliparis-1024x584-1

Nella sfida che dovrà affrontare la prossima amministrazione per fare davvero ripartire Varese, un ruolo fondamentale sarà quello delle persone che lavorano all’interno dell’organizzazione comunale.

L’obiettivo di essere una Città moderna, inserita nelle migliori pratiche europee, in grado di attrarre i giovani e capace di innovare senza lasciare indietro nessuno, é alla portata di Varese. E lo é anche per la professionalità e la competenza di molte persone che operano all’interno della “macchina” comunale, in tutti i settori ed i servizi che la compongono, dai servizi alla persona a quelli tecnici, dalla polizia locale ai servizi culturali, dagli uffici demografici a quelli di supporto amministrativo, dallo sport al commercio. 

I futuri amministratori, per centrare il risultato della ripresa economica, sociale, culturale della nostra Città, dovranno valorizzare tutte le energie positive presenti all’interno e all’esterno dell’organizzazione, in sinergia tra loro.

Il maggior freno al liberarsi di queste energie è stato, sino ad oggi, quello della sostanziale inadeguatezza della classe politica che ha governato negli ultimi anni, con poche e confuse idee sugli indirizzi politico-amministrativi sui quali costruire un piano di lavoro con la struttura amministrativa. 

La sfida sarà quella di modificare da subito questa tendenza e, tenendo ben fermi i chiari obiettivi fissati nel programma amministrativo, avviarne da subito la realizzazione attraverso un’ azione preceduta dall’ ascolto e dalla condivisione di metodi e strumenti.  

Sarà necessario partire con nuova determinazione e nuovo dinamismo e soprattutto con la consapevolezza che il timone sarà preso da chi conosce bene come funziona un comune, le problematiche e le opportunità.

Quello di cui il Comune ha bisogno non sono le proposte demagogiche che lasciano il tempo che trovano, bensì una rivalutazione delle professionalità presenti all’interno della macchina comunale, anche attraverso la valorizzazione e lo sviluppo dell’utilizzo dello strumento della contrattazione decentrata.

Il Comune di Varese deve tornare ad assumere il ruolo di costruttore di reti,  supportando l’iniziativa delle imprese e delle associazioni e favorendone il dialogo costruttivo tra loro.   

Il Comune di Varese dovrà tornare ad essere, come era molti anni fa, un vero punto di riferimento dell’efficienza della P.A., per la qualità dei servizi erogati e il grado di innovazione trasferito negli stessi.

Luca Paris

Segretario PD Varese

Tag:

Leggi anche:

  • Draghi Valle Olona: a settembre una nuova avventura per il Minibasket

    Partirà a Settembre una nuova avventura per il Minibasket grazie alla collaborazione tra Polisportiva Sportpiu, Scuola Basket Castellanza e A.S.D. Draghi Gorlazy di Gorla Maggiore: la Scuola Minibasket Draghi Valle Olona, il primo centro sovraterritoriale della zona! Il Progetto concretizza
  • Riqualificazione del campo da rugby di Giubiano, accordo firmato

    Questa mattina a Roma è stata firmata la convenzione tra il Coni e i 32 Enti locali che hanno presentato, e sono stati selezionati, nell’ambito del bando “Fondo Sport e Periferie”, dedicato alla riqualificazione degli impianti sportivi italiani. Tra i comuni presenti a Roma c’era anche
  • Un percorso mondiale per la 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine

    La 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine, in programma a Varese sabato 30 settembre (crono) e domenica 1° ottobre (gran e medio fondo) sarà una gara da non perdere. Entrata da quest’anno nel circuito UCI GRAN FONDO WORLD SERIES la Gran Fondo Tre Valli Varesine 2017 sarà una prova
  • Sanità: illustrato il modello di inclusione dell’Associazione Special Olympics

    Promuovere sempre di più lo sport come mezzo di inclusione sociale per i disabili intellettivi anche gravi e valutare anche la possibilità di individuare un riferimento regionale per la formazione di allenatori e istruttori dello sport unificato (l’attività motoria e sportiva fatta