Varese: Progetto Concittadino contro lo spreco alimentare

L'onorevole Maria Chiara Gadda insieme a Galimberti e De Simone per l'iniziativa di sabato

29 maggio 2016
Guarda anche: Elezioni comunali 2016Varese Città
gadda maria chiara

E’ tornata a Varese per parlare, insieme a Progetto ConcittaDino, della sua legge per combattere lo spreco alimentare: Maria Chiara Gadda, giovane parlamentare Pd, era al Globe Cafè di via Sacco, questa mattina, insieme ai “ConcittaDini”. Con loro anche Davide Galimberti, il candidato sindaco che la lista “arancione” sostiene.

“Il tema del recupero delle risorse alimentari non è nuovo, certo – ha detto Gadda – ma è necessario concentrarsi sulle eccedenze da destinare alle famiglie in difficoltà. E’ possibile raggiungere le 500mila tonnellate, determinando così un risparmio diretto per le amministrazioni. Ma si deve andare più in profondità, partendo dall’utilizzo delle risorse. In questo senso, si deve parlare prima di tutto di ritrasformazione e rigenerazione. L’Italia è leader in Europa in materia di recupero delle eccedenze alimentari. L’obiettivo della nuova legge è quello di fare un passo in più sui prodotti che oggi è difficile recuperare, anche semplificando i passaggi burocratici”. La legge non parla solo di cibo, ma anche di farmaci, e può diventare una risposta davvero efficace contro la povertà di molte famiglie, anche perchè impone dei paletti non negoziabili sulla tracciabilità della merce. “Tutti gli attori devono essere in gioco. E i comuni devono collaborare di più con il terzo settore”.

Esiste la rete Sprecozero.net, a cui Gadda ha invitato il comune di Varese ad aderire. “E sarà uno dei nostri provvedimenti in caso di elezione – ha garantito Davide Galimberti – questa legge è un esempio di concretezza, lo stesso principio a cui si ispira la nostra coalizione. Con questo provvedimento, i servizi sociali del Comune potranno lavorare meglio, perchè favorisce una logica che anche noi portiamo avanti: quella delle sinergie tra amministrazione e mondo del volontariato, che qui si abbina anche alla possibilità di ridurre i costi legati ai rifiuti. Vogliamo applicare concretamente questa norma, il prima possibile, mettendo attorno ad un tavolo di lavoro le associazioni del settore, come Banco Alimentare e Caritas”.

Il capolista Dino De Simone ha ampliato il raggio d’azione possibile, ricordando che “alleandoci con l’Università dell’Insubria e ispirandoci alla Carta di Milano per la Food Policy possiamo fare davvero di Varese una città modello”.

Tag:

Leggi anche:

  • Varese: Progetto Concittadino delega i suoi simpatizzanti alle commissioni consiliari

    Del resto, la lista civica nata dall’esperienza alle primarie del centro sinistra di Dino De Simone (oggi assessore all’Ambiente, Benessere e Sport) ha sempre messo al centro della propria proposta politica lapartecipazione, la trasparenza e la competenza. E oggi, con Enzo Laforgia in consiglio
  • Varese: Progetto Concittadino rilancia e diventa associazione

    I due coordinatori e referenti della nuova associazione sono Natalino Bianchi e Francesca Coffano. «Il gruppo dei 32 candidati continua e si consolida – spiega Bianchi – perché siamo tutti animati da uno stesso spirito: non vogliamo “poltrone”, ma intendiamo lavorare concretamente al
  • Senato: approvata definitivamente la “legge Gadda” contro gli sprechi alimentari

    Nel giro di pochi mesi, dunque, si è completato l’iter legis di un provvedimento che dispone procedure più semplici per la raccolta e la donazione di cibo, farmaci e altri prodotti (compreso l’abbigliamento), offrendo agevolazioni Tari a quei ristoranti, negozi e ipermercati che
  • Progetto ConCittaDino per una città dei bambini

    Oggi questa ottica non esiste, ed è per denunciare questa mancanza di attenzione alle famiglie che nel pomeriggio i candidati di Progetto ConcittaDino e i loro amici hanno creato un originalissimo flash mob, “Varese (si) cambia davvero!”. Un “cambio pannolino collettivo”,