Varese, Alfieri e Civati (Pd): “Il risultato migliore di sempre, tra due settimane tutto è possibile”

Il segretario regionale e il capolista dei Democratici commentano l'esito delle urne

06 giugno 2016
Guarda anche: Elezioni comunali 2016PoliticaVarese
Alfieri
“É un risultato straordinario, il migliore di sempre”. Così commenta il segretario regionale del Pd Alessandro Alfieri il risultato del primo turno nella sfida tra candidati sindaco al comune di Varese. “Tra Galimberti e Orrigoni ci sono soltanto 1800 voti – spiega -: siamo ad un’incollatura dal centrodestra. Numeri significativi se confrontati a quelli di cinque anni fa quando al primo turno ci separavano ben 19 punti da Fontana.
Il Pd non solo si conferma il primo partito della città ma incrementa di 1000voti il suo consenso. Mentre la Lega, con capolista Maroni, incassa il peggior risultato di sempre perdendo oltre 3000 voti”.
“Adesso inizia il secondo tempo – conclude il consigliere regionale -: è davvero possibile voltare pagina e mandare a casa la Lega dopo 23anni ininterrotti al potere”.

“Voglio ringraziare della grandissima stima i tantissimi cittadini mi hanno votato: voglio in particolare rivolgere un pensiero alla comunità del PD che in questi mesi mi è stata accanto come capolista. Continueremo sulla strada intrapresa per far ripartire Varese” – aggiunge Andrea Civati, capolista del PD e candidato più votato subito dopo Luisa Oprandi con oltre 500 voti.
“È una giornata storica: il candidato della Lega è distanziato di poco da Galimberti. – continua Civati – In questo scenario tutto è possibile il 19 giugno. La città ha dimostrato un’incredibile voglia di voltare pagina: chi avrebbe immaginato questo risultato solo pochi anni fa?”.
Infine, Civati, giovane avvocato di 30 anni, descrive le prossime mosse del centrosinistra:  “La nostra coalizione è compatta intorno a Davide Galimberti e nei prossimi giorni torneremo nei quartieri per spiegare a tutti i varesini le nostre proposte. Dubito che il centrodestra farà lo stesso: preferiranno la strada degli accordi per le poltrone come hanno fatto in questi 23 anni.”

Tag:

Leggi anche:

  • Giro d’Italia numero 100: vince l’olandese Dumoulin

    Con la cronometro Monza-Milano (29.3 km) si è chiuso il Giro d’Italia numero 100. A vincere la celeberrima corsa in rosa targata 2017 è stato Tom Dumoulin, l’olandese della Sunweb che ha stupito un po’ tutti e che si è laureato il nuovo re in rosa. Quintana, Nibali e Pinot si classificano
  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad