L’Italia di Renzi “dichiara guerra” alla Russia. E firma la propria sconfitta

Le tensioni in Ucraina rischiano di portare ad una nuova 'Guerra Fredda'. E il nostro Paese, che in passato era riuscito a mediare a livello internazionale, si schiera a priori da una parte, a scapito della nostra economia, che ha nella Russia un importante partner commerciale

04 settembre 2014
Guarda anche: EuropaMondo
Putinfoto

A livello geopolitico mai negli ultimi anni la situazione è stata  difficile come oggi. Al punto da vedere all’orizzonte i preamboli di un “quarto” conflitto mondiale, dopo la Guerra Fredda.

Gli attori sono più o meno gli stessi del precedente conflitto, seppur con ruoli totalmente diversi. E il teatro di questa guerra, l’Ucraina, non poteva essere che il più idoneo: un Paese recentemente “prostratosi” all’atlantismo, che, sotto la guida del presidente Poroshenko, e il duplice ingresso nella Nato e nell’Ue, ha ratificato la cooperazione in politica estera e sicurezza, passando da Mosca a Bruxelles.

Questa ratifica, dall’aria di un accordo di “sottomissione” e protezione, comporta non solo la presenza di forze armate e missili dal marchio Nato atti a controllare il territorio da Mosca a Damasco con tutto il Medio Oriente annesso, ma anche a occupare le imprese belliche e i porti russi per danneggiare economicamente e militarmente l’esercito e l’economia russa, oltre ovviamente a compromettere la creazione di un’alleanza eurasiatica che sarebbe un ostacolo per l’asse tra Usa e Ue.

Infine dal punto di vista commerciale, l’Ucraina è uno dei principali corridoi energetici, uno snodo cruciale per il passaggio delle tubature che portano in Europa il petrolio e il gas del Caucaso. Il 30% del gas consumato dall’Europa proviene dalla Russia. L’Ucraina stessa non può sopravvivere per ora senza il gas russo. Perdendo il controllo sull’Ucraina la Russia rischia dunque di perdere il controllo dei mercati dell’energia.

Delineata la scacchiera, ci chiediamo ora a chi spetti la prima mossa: se da un lato Obama, di nascosto, “arma” personaggi con o senza divisa di diverse provenienze per portare a termine la sua “conquista”, dall’altro il Cremlino preferisce la strada della diplomazia, limitandosi ai tanto “minacciosi” convogli umanitari, per fermare questo genocidio: una controffensiva militare russa farebbe passare Putin come un invasore, oltre a legittimare la Nato all’attacco (nonostante i caschi blu dell’Onu siano già in prima linea, il tutto a favore dell’industria bellica statunitense, fondamentale per risollevare il Paese dalla crisi economica.

A questo punto chi ha giocato la mossa peggiore è stata l’Ue, che ha ben pensato di suicidarsi con le sanzioni, credendo invece di fare un dispetto a Putin e prendersi gli applausi di Obama.

In tutto questo, l’Italia dei “fidi” Renzi e Mogherini, invece che agire come secondo partner commerciale della Russia, ha preferito – con tanto di deliri degni dei peggiori leccapiedi – gli applausi dei “padrini di Bruxelles” piuttosto che fare gli interessi del proprio Paese (ha risposto negativamente alle sanzioni la Slovenia!), il tutto in perfetta linea con le strategie politiche degli ultimi governi.

Purtroppo l’ultimo governo italiano che ha avuto un minimo sussulto di dignità in politica estera è stato quello del tanto criticato Berlusconi, che, seppur con tanti difetti ed errori in altri campi, ha attuato una politica estera di mediazione tra oriente e occidente: se solo fosse gradito ai “camerieri” di Bruxelles che l’hanno deposto nel 2011, potrebbe essere l’uomo giusto per risolvere pacificamente questo aspro e difficile conflitto.

Quindi, mentre in Europa ci illudiamo che Putin e la Russia siano in povertà per le nostre sanzioni, Mosca guarda ad Est: l’asse con la Cina e le emergenti potenze orientali  metterà la Russia in una posizione dominante rispetto chi in Occidente pensa di avere le spalle larghe, lasciando che la situazione economica e politica precipiti in un tunnel senza fine.

Luca Folegani

Tag:

Leggi anche:

  • La Pallanuoto Banco BPM Sport Management sfida il CN Marsiglia

    È tutto pronto per la partita d’andata della semifinale di Len Euro Cup che domani alle ore 20.00 vedrà la Pallanuoto Banco BPM Sport Management ospite nella vasca dei francesi del CN Marsiglia. Non sarà una sfida facile per il sette di mister Marco Baldineti che andrà ad affrontare la
  • Due italiani sul podio della Coppa del Mondo di parapendio

    Il pilota Nicola Donini si è classificato secondo alla finale mondiale disputata a Roldanillo in Colombia e vinta dallo svizzero Michael Siegel. Il successo italiano è consolidato dal terzo posto di Joachim Oberhauser di Termeno (Bolzano). Eccellenti le prestazioni di Donini, ventiduenne di
  • Il Canottaggio mondiale ritorna a Varese con la Coppa del Mondo 2020

    Il Direttore Esecutivo della FISA Matt Smith ha informato il Presidente Federale Giuseppe Abbagnale che il Consiglio FISA, la Federazione Internazionale del canottaggio, riunitosi a Londra lo scorso week-end, ha assegnato a Varese la 2^ Coppa del Mondo in programma dal 1° al 3 Maggio 2020. Sempre
  • Pallanuoto Banco BPM Sport Management in trasferta contro la Rari Nantes Savona

    Tornerà in acqua sabato 20 gennaio alle ore 18.00 la Pallanuoto Banco BPM Sport Management che chiuderà il girone d’andata del campionato di serie A1 maschile con la sfida sul campo della Rari Nantes Savona. Una partita da prendere con le dovute cautele, perché dall’altra parte la formazione