L’Isis attacca l’Europa. Granate e sparatorie a Parigi, oltre 150 morti

Una serie di attentati, rivendicati dallo Stato islamico, ha colpito la capitale francese. Hollande dichiara lo stato d'emergenza e chiude le frontiere

14 novembre 2015
Guarda anche: Europa
Attentati Francia

Una serie di attentati, studiati “scientificamente” ed attuati simultaneamente. La furia dell’integralismo islamico si è abbattuta su Parigi la sera di venerdì 13 novembre.

L’attentato più sanguinoso è stato al Bataclan, sala per concerti nell’XI arrondissement, dove sono rimaste uccise 118 persone. Si stava svolgendo un concerto gruppo americano Eagles of Death Metal.

Gli spettatori erano 1.500, gli attentatori hanno dato l’assalto, iniziando a sparare e a uccidere le vittime. Quindi hanno sequestrato gli altri come ostaggio, fino al blitz delle teste di cuoio francesi. Allo Stade de France, dove era in corso l’amichevole Francia-Germania, sono esplose delle granate.

E una serie di altri attentati, con sparatorie, hanno avuto luogo con kalashnikov in un ristorante e in un bar del X arrondissement. E in una serie di altre strade della capitale francese. I morti al momento sembrano ammontare ad oltre 150. Il presidente François Hollande ha annunciato lo stato d’emergenza, il ripristino dei controlli alle frontiere, e la mobilitazione di 1.500 militari a Parigi.

L’ISIS RIVENDICA GLI ATTENTATI

Nello Stade de France, secondo quanto riferiscono i testimoni, gli attentatori gridavano in arabo “Allah è grande”. E i membri dell’Isis hanno rivendicato via Twitter, con l’hashtag in lingua araba “Parigi in fiamme”, gli attentati.

“Ricordate, ricordate il 14 novembre. Non dimenticheranno questo giorno, come gli americani l’11 settembre. La Francia manda i suoi aerei ogni giorno in Siria, bombardando bambini e anziani, oggi beve dallo stesso calice”, ha affermato il canale Dabiq France, secondo quanto ha scritto su Twitter Rita Katz, direttore di Site, che monitora i gruppi jihadisti.

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio