Ballottaggio Varese, Pandolfo non si schiera: “Alternativi al leghismo e al renzismo”

Il candidato sindaco de La Sinistra per Varese Futura non dà indicazioni di voto

16 giugno 2016
Guarda anche: Elezioni comunali 2016PoliticaVarese Città
Flavio Pandolfo

È mia ferma convinzione che il voto sia proprietà del votante, non del votato.

Sempre, anche e soprattutto nel sistema a doppio turno (che temo non sia stato appieno compreso non tanto dagli elettori quanto dai candidati) proprio per non far pensare a forme di mercanteggiamento del consenso, metodologia che induce ad una ulteriore disaffezione per la politica.

Riteniamo inoltre non si debba votare contro qualcuno o per mandare a casa qualcun altro ma che il voto sia una azione propositiva riguardo a quello che noi pensiamo sia il meglio per la nostra comunità.

Sappiamo che gli elettori che ci hanno scelto hanno ben chiara quale sia la nostra linea politica e di pensiero, che è alternativa sia al renzismo che al leghismo, e siamo certi che siano ben maturi e capaci di fare scelte sagge senza bisogno di tutori che indichino loro cosa fare.

Auguriamo buon lavoro al futuro Sindaco di Varese ricordando che saremo comunque di sprone al fine di avere una città migliore.

Cordialmente

Flavio Pandolfo

Tag:

Leggi anche:

  • Elezioni amministrative 2016: affluenza del 55.89%

    L’affluenza che si è registrata nella giornata di oggi, domenica 5 giugno 2016, per le elezioni comunali è stata pari a: 17.50% alle ore 12 (11.491 votanti), 45.94% alle ore 19 (30.165 votanti) e 55.89% al termine dei seggi, con 36.702 votanti. 85 i seggi a Varese. I candidati –
  • Pubblicato il Fac-Simile delle schede elettorali

    Sulla colonna di sinistra troviamo per primo Paolo Orrigoni (7 le liste che lo sostengono) sotto di lui segue Flavio Pandolfo, nella colonna di destra invece per primo compare Davide Galimberti (5 le liste che lo sostengono) e in ordine sotto di lui ci sono Andrea Badoglio, Francesco Marcello e
  • Varese: è Flavio Pandolfo il candidato di Varese Futura

    Nonostante le difficoltà dei giorni scorsi, culminate con la frattura con il gruppo che fa capo a Giuseppe Musolino che non fa più parte del progetto, le organizzazioni di Sinistra Ecologia e Libertà, Rifondazione Comunista e Partito Comunista d’Italia (ex Comunisti Italiani) in accordo