Varese, manifesti abusivi coprono quelli di Galimberti

Il candidato sindaco di centrosinistra si scaglia contro Fratelli d'Italia e Lega Nord

18 maggio 2016
Guarda anche: Elezioni comunali 2016PoliticaVarese Città
belforte

“La scorsa notte alcuni partiti che sostengono Paolo Orrigoni, e in particolare Fratelli d’Italia e Lega Nord, sono passati in molte zone di
Varese a coprire i nostri manifesti elettorali con dei cartelloni abusivi.
In più, senza nessun ritegno, queste persone ci hanno pure messo la faccia visto che i manifesti che coprono alcuni dei nostri sono di due consiglieri comunali di Fratelli d’Italia: Clerici e Cosentino”.

Così Davide Galimberti, candidato sindaco a Varese, che questa mattina ha denunciato l’esteso attacco subito durante la scorsa notte sugli spazi dove vengono affissi i manifesti elettorali. Sui tabelloni elettorali presenti in città, infatti, ad ogni forza politica viene assegnato un preciso spazio di affissione.

“Questa mattina ho presentato tre esposti al Prefetto ed al Comune con cui ho denunciato l’accaduto e soprattutto ho chiesto di conoscere i costi che il Comune e quindi tutti i varesini saranno costretti a sostenere a causa di questo atto di inciviltà e il numero di agenti della polizia Locale impiegati per accertare le violazioni: tutte risorse che si sarebbero potute impiegare meglio per presidiare il territorio”.

“Spero che il Comune, entro i termini di legge e comunque prima delle elezioni, vada a chiedere i soldi delle sanzioni e delle spese comunali che dovrà sostenere per ripristinare la legalità. Ritengo inaccettabile quanto accaduto e ancor più grave perché a commettere atti illeciti è stato chi si candida ad amministrare un comune mentre dovrebbe essere il primo garante del rispetto delle regole. Non mi stupisce affatto che persone così, in questi anni, non siano state in grado di amministrare Varese e abbiano fatto perdere innumerevoli occasioni alla città. Questo gesto dimostra anche il disprezzo per quello che ci chiedono i cittadini in un periodo di crisi economica, ovvero di contenere le spese elettorali: i manifesti costano e costerà alle casse comunali ripulire i tabelloni.

Ci auguriamo almeno che il Comune provvederà a far pagare le multe che si vedranno recapitare dopo i nostri esposti che abbiamo già predisposto. I miei manifesti sono stati affissi da due volontari che hanno deciso di aiutarmi.
Quanto compiuto stanotte è un gesto di grave disprezzo del lavoro degli altri oltre che di inciviltà”.

Ma Galimberti incalza sul rispetto delle regole sollevando anche la questione del gazebo permanete di Fratelli d’Italia: “Il partito che sostiene Orrigoni, in violazione del noto principio della rotazione e delle norme edilizie, ha istallato un gazebo permanente in via Del Cairo.
Auspichiamo che il comune intervenga prontamente altrimenti sarebbe difficile giustificare come mai, normalmente, un esercente commerciale o un bar, per avere l’autorizzazione per una analoga istallazione, deve attendere molto tempo, presentare pratiche edilizie e molte altre richieste. Mi auguro che nei prossimi giorni il Comune vigili adeguatamente sul corretto andamento della campagna elettorale e auspico che da oggi in poi tutte le forze politiche si mostrino più responsabili e non commettano più atti che violano le regole per evitare al comune di spendere risorse, energie e uomini per vigilare su fatti come questi che non dovrebbero certo essere una priorità”.

“Quanto accaduto – conclude Galimberti – è il manifesto di una coalizione che promette più sicurezza per Varese ma che in questi 23 anni non è mai stata in grado di garantirla ai cittadini. È inaccettabile che chi parla tanto di sicurezza sia il primo a violare regole e leggi. Oggi abbiamo assistito ad un evidente segnale di paura. Spero che qualcuno si dissoci e dichiari chiaramente che non intende avere nella propria coalizione candidati che violano le regole e le leggi”.

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio