Galimberti “Buon anno scolastico a tutti”

La lettera del sindaco Davide Galimberti ai presidi, docenti e personale scolastico

02 Settembre 2020
Guarda anche: Comune di Varese

«1° settembre 2020: l’Italia riparte da voi. Milioni di bambini, ragazzi e adolescenti stanno aspettando, con ansia, di rivedervi per poter riprendere in presenza il percorso formativo e scolastico, interrotto mesi fa a causa dell’emergenza sanitaria. Certo, anche nei mesi più duri, grazie ad un eccezionale lavoro, siete riusciti a portare avanti la didattica a distanza, superando difficoltà che sembravano insormontabili. Non eravamo pronti, questa emergenza ha travolto anche il sistema scolastico ma il vostro instancabile impegno ha consentito che nessun alunno fosse lasciato solo. In questi lunghi mesi voi, presidi, docenti e tutto il personale della scuola avete svolto un lavoro silenzioso ma preziosissimo. Anche se purtroppo nell’ultimo periodo non sono mancati giudizi sommari e poco generosi.

Per questo il 14 settembre sarà una data storica che resterà scritta per sempre nei libri di storia: sarà il giorno in cui i nostri ragazzi e le nostre ragazze potranno tornare a scuola. Certo l’emergenza non è finita, il virus non è ancora sconfitto ed è ancora tra di noi. Per questo l’inizio dell’anno scolastico sarà all’insegna del rispetto delle misure anti contagio, dei distanziamenti, delle mascherine e di un nuovo modo di stare a scuola. Ma questa sfida va affrontata tutti insieme, con le giuste cautele, per restituire agli alunni di tutta Italia e di Varese quella certezza che solo la scuola è in grado di dare. Nel vostro insostituibile lavoro c’è tutto questo. Ogni giorno noi genitori abbiamo consegnato nelle vostre mani i nostri figli, sicuri dell’ottimo lavoro che fate per renderli dei buoni cittadini, persone colte e pronte alla sfide che dovranno affrontare nella vita. Tra qualche giorno dunque saremo ancora più felici di poter ricominciare con voi questo splendido percorso. Tutti noi avremo giustamente qualche preoccupazione dettata dalla situazione che stiamo vivendo ma dobbiamo provare a vincere questa sfida tutti insieme. In questi mesi il Comune di Varese ha lavorato senza sosta per farsi trovare pronto al primo giorno di scuola. Ieri dalla conferenza dei servizi abbiamo avuto anche nuove regole per quanto riguarda i trasporti pubblici, l’uso delle mascherine e tanti altri aspetti che presto vi troverete ad affrontare insieme ai vostri alunni. La mia amministrazione è qui e saremo al vostro fianco.

Oggi però è il primo settembre e per voi corpo docente e personale scolastico è il primo vero giorno di scuola. Per questo desidero ringraziarvi da subito per tutto quello che state facendo e farete nei prossimi giorni per i nostri figli. Dal vostro spirito di servizio, dal vostro senso di responsabilità e dal vostro prezioso lavoro riparte l’Italia e insieme a voi tutti i bambini e ragazzi del nostro paese. Grazie di tutto e un augurio di un buon anno scolastico».

Tag:

Leggi anche:

  • Scuola, nessun boom di supplenze

    I dati relativi alle supplenze per l’anno scolastico appena iniziato sono del tutto in linea con quelli di un anno fa. Non c’è, di fatto, alcun boom. In particolare, i posti a tempo determinato, secondo la ricognizione effettuata alla data odierna dal Ministero, sono, quest’anno, poco più
  • Scuola, quest’anno nelle classi oltre 8,3 milioni di studentesse e studenti

    Sono oltre 8,3 milioni le studentesse e gli studenti che rientrano quest’anno tra i banchi: 7.507.484 negli istituti statali, ai quali si aggiungono i circa 860 mila delle paritarie. Si tratta dei primi dati elaborati sul nuovo anno scolastico, il 2020/2021. In particolare, con la ripartenza di
  • Nidi e scuole dell’infanzia: si riapre il 7 settembre

    Due certezze per asili nido e scuole dell’infanzia del Comune di Varese. La prima è la data di riapertura: si ripartirà lunedì 7 settembre. La seconda, poi, è data dalle misure di sicurezza per il contrasto alla pandemia da coronavirus, che si delineano anche grazie a ingressi scaglionati
  • Scuola, al via la “chiamata veloce” dei docenti

    Prende il via la “chiamata veloce” dei docenti, la nuova procedura prevista dal decreto sulla scuola approvato a dicembre in Parlamento che consente a chi è in graduatoria, ma non ha ottenuto il ruolo con la normale tornata di assunzioni, di poter presentare domanda in un’altra