Varese, la ricetta del Pd per la mobilità: “Puntare sullo sharing”

Affollato incontro al Twiggy con Galimberti, Civati e l'assessore milanese Pierfrancesco Maran

18 aprile 2016
Guarda anche: Elezioni comunali 2016PoliticaVarese
civati galimberti maran

Idee chiare e concrete, anche perché il vicino modello di Milano fa capire come le trasformazioni su un ambito particolarmente delicato come la mobilità possano venire persino in un breve periodo di tempo.

Il capolista del Partito democratico Andrea Civati ha lanciato su questa tematica la propria campagna elettorale, con un incontro che si è tenuto lunedì sera al Twiggy fianco a fianco col candidato sindaco Davide Galimberti e con l’assessore alla Mobilità del Comune di Milano Pierfrancesco Maran.
Dopo una battuta polemica su Maroni come possibile capolista della Lega (“Io ho trent’anni, non ho mai fatto il governatore o il ministro, ma garantisco il mio impegno più assoluto per Varese”), Civati ha citato l’ingresso dell’autostrada in centro come “principale esempio di una mobilità da incubo”, proponendo “il rafforzamento dello sharing, sia per quanto riguarda le biciclette che per le stesse auto, come prima soluzione per arginare il flusso di veicoli privati verso il cuore di Varese”. Al tempo stesso, “ogni buona idea in ambito di mobilità va comunicata con la dovuta attenzione: lo sharing esiste già, eppure gli utenti sono pochissimi proprio perché manca il messaggio” sottolinea il consigliere comunale, facendo notare come certe politiche “grazie ai fondi europei puntualmente ignorati dall’amministrazione varesina potrebbero essere praticamente a costo zero”. Citando infine l’esempio della pedonalizzazione di piazza Giovine Italia, di cui è stato promotore, il giovane esponente del Pd ha fatto capire come “se non cambi la mobilità, non cambi la città: quell’esempio è la dimostrazione di come, con piccoli aggiustamenti, interi comparti possano rinascere”.

L’assessore Maran, di pochi anni più anziano, ha portato gli esempi della grande metropoli milanese “dove, grazie all’introduzione dell’area C che all’inizio aveva attratto forti contestazioni, il traffico veicolare in centro è diminuito del 30% e con esso gli incidenti, mentre i tempi di percorrenza dei mezzi pubblici si sono abbassati notevolmente”. A fianco delle grandi novità, come questa o le linee di metropolitana M4 e M5 in dirittura d’arrivo, Maran evidenzia “la necessità, un passo dopo l’altro, di stimolare la riflessione collettiva per cambiare le abitudini dei cittadini. La politica può fare tanto, ma senza un cambiamento di mentalità non va da nessuna parte: a Milano, per quanto riguarda l’uso dell’auto privata, ci stiamo riuscendo”.

Infine, il candidato sindaco del centrosinistra Davide Galimberti ha portato proprio Milano come “dimostrazione di una politica vincente in grado di incidere molto su una città in un periodo relativamente breve. A Varese c’è tanto da fare per la mobilità, tenendo presente che una grandissima novità come la ferrovia Arcisate-Stabio imporrà sensibili cambiamenti per i quali non possiamo rimanere fermi su noi stessi o, peggio ancora, farci trovare impreparati”.

 

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti