Varese: Davide Galimberti lancia il Piano Regolatore Sociale

Impegno sul fronte dei servizi alla persona per il candidato di centrosinistra

01 giugno 2016
Guarda anche: Elezioni comunali 2016PoliticaVarese
galimberti davide

Il compito di una buona amministrazione è quello di garantire per prima cosa i servizi essenziali, soprattutto a chi vive forme temporanee o permanenti di disagio. Davanti alla riduzione delle risorse dovuta anche ad una inadeguata politica di diminuzione della spesa da parte del Comune di Varese, un esempio è lo sperpero di denaro pubblico per far predisporre ad una società esterna la relazione di fine mandato del sindaco che poteva anzi doveva essere redatta dallo stesso sindaco o dagli uffici, reputo urgente pianificare al meglio i servizi alla persona (anziani, disabili, bambini, adolescenti, donne) affinché Varese venga percepita di più, e meglio, come una “Comunità inclusiva” senza innalzare barriere e, soprattutto, indifferenza nei confronti dei bisogni della gente.

Includere per me vuol dire assicurare a tutti i cittadini, indipendentemente dalla loro condizione di salute o economica, lo stato di equità e di pari opportunità senza introdurre regole di convivenza fondate sulla discriminazione. Per questo ho già previsto che entro la fine del 2016, previa consultazione e condivisione di tutti coloro che si occupano delle persone, approveremo il primo Piano Regolatore Sociale di Varese ovvero lo strumento strategico generale del sociale e della persona che definisce le strategie e l’organizzazione necessarie per rispondere al bisogno di benessere dei cittadini, sulla base della vision sociale inclusiva che si vuole dare alla città. È la programmazione che collega finalità generali, gli obiettivi specifici, risorse e metodologia per organizzare un nuovo modo di vivere nel comune, a misura delle attese di ciascun cittadino. Lo strumento contiene le analisi demografiche, i bisogni, i progetti e i servizi alla persona e alla famiglia attuati e da attuare nel comune con lo scopo di promuovere e sviluppare un welfare comunitario.

Il Piano dovrà essere fondato sui seguenti principi: far diventare gli interventi sociali un’area di diritti esigibili; considerare prioritaria l’integrazione con le politiche sanitarie, formative, dell’occupazione e dell’abitare; assicurare i livelli essenziali delle prestazioni sociali in tutto il territorio cittadino; ridurre le difficoltà e le diseguaglianze nell’accesso ai servizi; ampliare la platea dei beneficiari degli interventi sociali; ampliamento dei servizi domiciliari a sostegno delle persone in difficoltà con l’estensione dei centri diurni per la terza età nonché l’ampliamento dei tavoli di comunità.

Sarà necessaria la sinergia tra Comune e mondo del volontariato, una vera ricchezza di Varese. Solo insieme è possibile potenziare i servizi e ridurre i disagi e le fragilità. Il nostro impegno è quindi di “disegnare nuovi progetti per le persone” mettendo in rete le varie realtà che operano nel settore, perché le tante esperienze e sensibilità che già lavorano possano essere interconnesse, valorizzate, stimolate e facilitate. Tutto ciò per incrementare il benessere del singolo e dell’intera città, per rendere ciascuna persona parte attiva all’interno della società. E’ quindi necessario l’ausilio di tutti perché riesca a costituirsi una nuova comunità capace di coinvolgimento, aiuto reciproco e di co-responsabilità.

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare