Varese, Cosentino e Santinon: “Un voto per Galimberti è un voto per i finti profughi”

Gli esponenti di Orizzonte Ideale all'attacco del candidato del centrosinistra

11 giugno 2016
Guarda anche: Elezioni comunali 2016PoliticaVarese Città
Taranto, arrivo dei profughi libici da Lampedusa

Votare Galimberti al ballottaggio significa avere i finti profughi in giro per la città.

E’ questa infatti la strana proposta, apparsa ieri sui quotidiani locali, del Sindaco di Comerio Silvio Aimetti, compagno di partito di Davide Galimberti.

Sono dello stesso partito, sono della stessa parte politica e sappiamo che vogliono gestire nello stesso modo il caso “finti profughi”.
La loro strategia è puntare sull’integrazione, renderli partecipi della vita pubblica, facendoli diventare parte attiva delle associazioni di volontariato della comunità. L’ultima geniale trovata di Aimetti è quella di affidare ai finti profughi, che non parlano nemmeno italiano, la responsabilità di controllare le nostre strade.

Ci opporremo duramente a questa accoglienza spregiudicata, per controllare le nostre strade è necessario riorganizzare la Polizia locale e proseguire con gli interventi di riqualificazione di alcune zone già avviati dalla giunta Fontana.

Solo Paolo Orrigoni potrà evitare che la nostra Città diventi come le periferie milanesi di Pisapia, ovvero terra di conquista di clandestini; finchè ci sarà un Italiano senza pane a cena, non ci sarà posto per un finto profugo.

Giacomo Cosentino – Consigliere Comune di Varese
Riccardo Santinon – Assessore Comune di Varese

Tag:

Leggi anche:

  • Galimberti contro il contratto Lega/M5S

    Sabato 20 maggio alle 17.30 il sindaco di Varese, Davide Galimberti, è andato al gazebo della Lega per partecipare alla consultazione sul programma di governo di Lega e M5s. La scelta controcorrente è spiegata così dal sindaco Galimberti: “Le consultazioni con gli elettori al gazebo è dal
  • Fontana e Galimberti insieme su politiche sociali abitative e sport

    Condividere soluzioni comuni su tutta una serie di temi particolarmente importanti per l’amministrazione comunale di Varese. Questo l’obiettivo dell’incontro che si è svolto oggi a Palazzo Lombardia fra il presidente della Regione e il sindaco, Davide Galimberti. I TRE ACCORDI
  • Un Weekend spirituale e diplomatico per la giunta di Varese

    Sabato 12 maggio 2018, il sindaco Davide Galimberti e l’assessore Roberto Molinari saranno presenti al convegno: “Il lascito spirituale e culturale del Cardinale Attilio Nicora – Il pastore e il diplomatico” che si svolgerà a partire dalle ore 9.00 nel Salone Estense del Comune di
  • Cosentino in Lombardia “Seguirò in prima linea sicurezza, antimafia, sanità e imprese”

     “Sarò attivamente coinvolto nei lavori delle commissioni riguardanti sicurezza, antimafia/anticorruzione, sanità, imprese e turismo, rapporti con la Svizzera e piccoli comuni. Sarà un lavoro impegnativo ma continuerò ad essere presente sul territorio, la vita reale non è al Pirellone