Parcheggio Prima Cappella, Galimberti: “I varesini non lo vogliono”

Il candidato del centrosinistra replica alla proposta di Orrigoni di indire un referendum

14 giugno 2016
Guarda anche: Elezioni comunali 2016PoliticaVarese
presidio prima cappella

“La vecchia politica continua ad emergere dalle dichiarazioni del candidato della Lega. Sul parcheggio alla Prima Cappella, dal mio competitor ne abbiamo sentite di tutti i colori. I saldi di fine stagione con promesse-slogan a pochi giorni del voto cominciano a sprecarsi”. Davide Galimberti commenta così la dichiarazione di Paolo Orrigoni sul contestato parcheggio ai piedi del Sacro Monte.

“Stupisce la notizia” – prosegue l’aspirante primo cittadino “che il candidato della Lega abbia annunciato un referendum sul tema, iniziativa che peraltro, guarda caso, non è neanche nel suo programma elettorale presentato poche settimane fa. Di solito queste iniziative si assumono prima di avviare la procedura e non alla fine, quando stanno per iniziare i lavori. Mi chiedo dove fosse il candidato della Lega quando Maroni, poche settimane fa, a Varese annunciava che il parcheggio della Prima Cappella sarebbe stato sicuramente realizzato essendo tra gli interventi cofinanziati dalla Regione. Allora Orrigoni non disse nulla, forse perché aveva paura di far perdere voti al capolista del principale partito, la Lega, che sostiene il candidato del centro destra. Oggi forse il Carroccio ha dato indicazioni diverse al suo candidato sindaco cercando di trarre in inganno i varesini”.

“La partecipazione dei cittadini si pratica nei fatti e non a parole” conclude Galimberti. “Le stesse forze politiche, Lega e Forza Italia, che oggi sostengono il candidato delle svendite elettorali sono le stesse che in tutti questi anni hanno voluto e preteso quel parcheggio. Noi in questi mesi abbiamo ascoltato i cittadini di Varese, quartiere per quartiere, e siamo stati sempre chiari dal primo giorno: il parcheggio della Prima Cappella i varesini non lo vogliono e noi non lo faremo. Io intendo amministrare così, ascoltando i cittadini, chiamando alla partecipazione le persone come ho sempre fatto anche in questa campagna elettorale e non come chi lo fa, strumentalmente, solo a pochi giorni dal voto”.

 

Tag:

Leggi anche: