Malnate, le liste che sostengono Pavesi hanno le idee chiare: “La sicurezza prima di tutto”

Il centrodestra malnatese vuole più vigili, ronde, telecamere e confronto costante con i cittadini

25 maggio 2016
Guarda anche: Elezioni comunali 2016PoliticaVarese
massimo pavesi

La sicurezza per noi rappresenta in assoluto la priorità: troppi i furti che si sono registrati negli ultimi mesi in città. L’imperativo è prevenzione, potenziando al massimo i controlli da parte della polizia locale (che l’amministrazione uscente ha invece depotenziato, non sostituendo un vigile andato in pensione) e integrandoli con la disponibilità che viene offerta dalla cittadinanza. 

Questo per noi non significa controllo di vicinato, una formula obsoleta, nata negli USA a metà del secolo scorso e mai veramente decollata a dimostrazione della sua scarsissima efficacia. Piuttosto, intendiamo promuovere una associazione che organizzi e strutturi la disponibilità di quei cittadini che vogliono dare una mano per sorvegliare le aree residenziali e fungere da deterrente per i malintenzionati. Tramite l’associazione, questa risorsa sarà valorizzata e garantita al tempo stesso: i cittadini volenterosi saranno coperti da assicurazione e dovranno partecipare ad un corso di formazione che insegni loro come comportarsi nella varie eventualità.
Disporranno di una sede e di una pettorina di riconoscimento e non si troveranno mai ad agire da soli. Chiunque inoltre potrà partecipare a corsi gratuiti di autodifesa.
A cadenza mensile, se non quindicinale, il sindaco incontrerà, insieme alla polizia locale, piccoli gruppi di cittadini per raccogliere le segnalazioni e definire immediatamente nuove linee mirate d’azione. Introdurremo poi delle telecamere a circuito chiuso nei punti più critici del paese (funzionanti, non come quelle attuali!), all’ingresso e in uscita dallo stesso e agevoleremo gli esercenti che vorranno acquistarne di nuove. Intendiamo infine delocalizzare nei quartieri eventi, mostre e spettacoli, promuovendo la partecipazione dei cittadini che devono tornare a riappropriarsi degli spazi del proprio paese.

Per quanto riguarda, il tema dei profughi, diciamo un no secco ai clandestini.

Non potremo rifiutare i profughi che la Prefettura ci chiederà di ospitare, ma lo faremo con attenzione, evitando la creazione di ghetti, allontanando tutti gli abusivi e dando piena applicazione alle leggi e alle regole già vigenti per una corretta integrazione degli extracomunitari. No secco, infine, alla costruzione di moschee e massimo controllo sull’attività di associazioni culturali para-religiose.

 

Per Pavesi sindaco i responsabili delle liste
Cassina Paola
Damiani Marco
Nelba Pino

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare