L’Europa cancella l’immigrazione “illegale”

L'attacco di Matteo Bianchi: ''Siamo di fronte al suicidio dei popoli europei''

03 dicembre 2015
Guarda anche: EuropaVarese
IMG-20150625-WA0003

Il Comitato delle Regioni e l’Unione Europea cancellano dal vocabolario la dicitura “immigrazione illegale”.
Nella seduta del 3 dicembre al Comitato delle Regioni (consesso che rappresenta le autonomie locali a Bruxelles), in occasione della discussione sull’Agenda europea della migrazione, “i testi dei pareri in approvazione non vedono più la parola “illegale” quando si parla palesemente di clandestinità della migrazione”.

Questa la denuncia del sindaco di Morazzone Matteo Bianchi, segretario provinciale della Lega Nord e rappresentante al Comitato delle Regioni.

“I burocrati degli uffici dell’UE hanno deciso che fosse più consono parlare di “immigrazione irregolare”, censurando di fatto uno status (quella della clandestinità illegale) che ha creato e sta creando problemi di ordine pubblico oltre che di natura sociale in tutto il territorio europeo – dice Bianchi – con la censura di una sola parola, si vanno a perpetrare gli errori devastanti che hanno portato l’Europa -oggi- ad avere i più grossi problemi mai avuti nella sua millenaria storia. L’invasione, soprattutto quella islamica, non si argina con gli approcci “olistici”, nuova parola buonista utilizzata nell’UE sul tema a testimonianza del delirio a cui stiamo assistendo.
Dopo i miliardi di Euro (nostri soldi) stanziati alla musulmana Turchia per gestire il problema migratorio (sic!), ogni giorno che passa a Bruxelles è testimonianza di dove ci sta portando questa Unione Europea che-se impostata diversamente-potrebbe essere una risorsa per tutti, ma cosi invece sta diventando un cavallo di Troia che concluderà il processo Eurabico annunciato da Oriana Fallaci.
Chi non affronta di petto il problema considerando che-certamente-non tutti gli immigrati sono terroristi, ma tutti i terroristi sono di origine immigrata, non fa gli interessi degli europei.
Gestire l’immigrazione con fermezza è una questione che ne va della nostra sicurezza!
In Europa abbiamo l’esempio ungherese di Orban: lì hanno gestito correttamente il problema migratorio, arginandolo.
Non si capisce perché in altre parti di Europa non si possa fare lo stesso.
Se poi, coloro che difendono i valori e le tradizioni europee vengono bollati semplicisticamente come dei razzisti, allora siamo al ridicolo.
Per la cronaca, l’agenda europea sulla migrazione al CdR e’ passata con solo 25 contrari, quindi ampiamente sostenuta da tutti i partiti.
La Lega (il sottoscritto ed il presidente del consiglio regionale veneto Roberto Ciambetti, in sostituzione di Zaia) ha votato convintamente contro questo suicidio per i popoli europei”.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti