I capilista di Galimberti: “Mille posti di lavoro? Orrigoni fa le stesse promesse che faceva qualcun altro”

Il democratico Civati all'attacco: ''Propongono slogan vuoti. Oppure scopiazzano dal nostro programma''

23 maggio 2016
Guarda anche: Elezioni comunali 2016PoliticaVarese
civati

“Almeno ha avuto la decenza di togliere qualche zero ad una proposta che abbiamo già sentito oltre 20 anni fa, e sappiamo tutti come è andata a finire”. Questo il commento ironico di Nicoletta Romano, capolista della Lista Davide Galimberti, alle dichiarazioni fatte oggi dal candidato della Lega e di Maroni in merito alle promesse sui posti di lavoro a Varese. 

“Una promessa inoltre né precisa né sufficiente per Varese ma fatta esattamente in nome di una continuità che è già stata smentita, nei fatti, in questi 23 anni di amministrazione, tempo in cui Varese si è invece impoverita sotto tutti gli aspetti e prima di tutto in quello del lavoro e dell’impresa. Se sono così convinti perché non sono stati creati prima i posti di lavoro? Tempo ne hanno avuto. È strano poi che molte delle cose dette oggi si trovino nel programma scritto da Davide Galimberti e depositato il 7 maggio. Controllare sui siti dei due candidati per credere”.

“Da imprenditore dico che bisogna essere cauti ad illudere le persone soprattutto in un grave periodo di crisi come quello attuale – dichiara Daniele Zanzi, capolista di Varese 2.0 -. Oltretutto 1000 posti di lavoro in più non sono nemmeno sufficienti per le esigenze reali della nostra città. Non bastano le promesse elettorali, bisogna avere delle idee e mi pare che leggendo il programma non le si trovi. Se invece si pensa di creare 1000 posti di lavoro aprendo 1000 supermercati allora è un altro discorso. Ma così si favorirà ulteriormente la crisi del piccolo commercio varesino svuotando il centro città e i quartieri dalle botteghe che da sempre hanno dato valore alla nostra città. Non basta copiare i programmi altrui per essere credibili dopo 23 anni di amministrazione”.

“Il candidato di Maroni propone slogan vuoti – insiste Andrea Civati, capolista del Pd -. Le uniche proposte concrete poi sono scopiazzate dal programma di Galimberti. In particolare alcune proposte sono identiche: prendete l’idea degli incentivi all’edilizia per la rigenerazione urbana. Il candidato della lega provi a chiedere cosa ne pensano i suoi partiti dell’eliminazione degli oneri per gli interventi di riqualificazione edilizia, a me sembra che siano sempre stati contrari. Noi invece pensiamo che siano essenziali per rilanciare questo settore e generare economia. Non è credibile poi l’idea di una specifica delega allo Sviluppo Economico: esiste già quell’assessore e si chiama Sergio Ghiringhelli”.

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio Tim Cup – Il Varese pesca il Pisa

    La stagione del Varese parte dalla Toscana e parte da Pisa: saranno loro gli avversari dei biancorossi nel primo impegno ufficiale della stagione Domenica 30 luglio gli uomini di mister Iacolino se la vedranno con gli uomini di Carmine Gautieri ex tecnico proprio dei biancorossi. La sfida di Tim
  • Gite in Lombardia presenta “Al Poncione di Ganna”

    Gite in Lombardia organizza per il 14 agosto una giornata in mezzo alla natura, con metà il Monte Poncione di Ganna, una montagna delle Prealpi Varesine alta 993m slm. “Un sentiero all’ombra di antichi alberi, un’idea per scappare dalla calura delle nostre città certo, ma non solo.
  • Calcio – Il Varese si presenta ufficialmente e va in ritiro

    Oggi è il giorno del raduno, ieri sera si sono tenute le presentazioni ufficiali della nuova dirigenza biancorossa: è così che il Varese si appresta a vivere da protagonista la prossima stagione in serie D. Primo acquisto fra tutti mister Salvatore Iacolino, lo specialista di questa categoria:
  • Il Mastino della BPM Sport Management Valentino Gallo ha quasi sconfitto il Morbillo: a breve il ritorno a casa

    Negli scorsi giorni l’atleta della Pallanuoto BPM Sport Management Valentino Gallo, durante il ritiro con la Nazionale Italiana in preparazione ai Mondiali di pallanuoto in corso di svolgimento a Budapest in Ungheria, era stato colpito dal Morbillo una malattia infettiva che aveva messo k.o.