Filippine: Del Torchio rapito da una banda locale

La polizia dell'arcipelago fa sapere come sia consuetudine dei banditi trasferire le vittime al gruppo terroristico Abu Sayyaf

10 ottobre 2015
Guarda anche: Laghi
Rapimento

Una banda criminale locale si è resa responsabile del rapimento di Rolando Del Torchio, il ristoratore sommese sequestrato pochi giorni fa nel sud della Filippine.

La polizia dell’arcipelago, infatti, riferisce di aver identificato i cinque membri del Commander Red Eye che si sono macchiati del sequestro. Tuttavia, è triste consuetudine che questi piccoli gruppi criminali rapiscano cittadini occidentali per poi “cederli” ad Abu Sayyaf, gruppo legato al fondamentalismo islamico: la polizia crede tuttavia che il varesino non sia ancora stato trasferito ai terroristi, ma resti nelle mani di un gruppetto legato sempre al Commander Red Eye.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

      La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti