Filippine, ex sacerdote varesino rapito: per la Procura di Roma è terrorismo

Sono partite le ricerche a tappeto nell'area costiera, dove l'italiano è stato rapito. Il maggiore indiziato è il gruppo islamico radicale Abu Sayyaf

08 ottobre 2015
Guarda anche: MondoVarese Città
Rapimento

La pista più probabile per il rapimento di Rolando Del Torchio, l’ex sacerdote originario di Angera, sarebbe quella del terrorismo islamico. La conferma arriva dalla Procura di Roma che ha aperto un fascicolo di indagine. 

Nel procedimento il procuratore aggiunto, Giancarlo Capaldo, ipotizza il reato di sequestro di persona a scopo di terrorismo.

La polizia filippina, intanto, ha dato il via ad una ricerca a tappeto nelle aree costiere vicino a Dipolog City, dove ieri sera l’uomo è stato rapito da un commando armato. Elicotteri, navi della guardia costiera e membri delle forze armate partecipano alla ricerca, che arriva fino all’isola di Sulu, dove si trova il gruppo islamico radicale Abu Sayyaf, ovvero il principale indiziato. Secondo la polizia, una telecamera di sorveglianza ha ripreso alcuni membri del commando, senza fornire però elementi sufficienti per la loro identificazione.

Tag:

Leggi anche: