Violenza sessuale contro un uomo. Fermato marocchino di 33 anni

Un milanese di 47 anni è stato minacciato e costretto a subire atti sessuali dal nordafricano

27 agosto 2015
Guarda anche: Milano
Poliziafoto

La violenza sessuale è uno dei crimini più spregevoli. E le vittime non sempre sono donne. Come dimostra il fatto di cui è stato vittima un uomo di 47 anni di Milano, aggredito e minacciato con un coltello da un marocchino di 33 anni, al Parco Nord di Milano, e quindi costretto a subire atti sessuali. 

Il fatto è avvenuto alle 4 nella notte tra mercoledì e giovedì. La vittima era in bicicletta quando due uomini, tra cui il cittadino marocchino di 33 anni, lo hanno fermato. E mentre il complice fuggiva con la bicicletta della vittima, lo straniero ha abusato del milanese. Quest’ultimo, dopo qualche minuto, è riuscito a liberarsi e a fuggire, avvertendo la Polizia. Gli agenti sono riusciti ad individuare ed arrestare il marocchino mentre è ancora ricercato il complice.

Tag:

Leggi anche:

  • Dieci anni di violenza, arrestato padre orco

    Era in una Comunità per minori a causa di un ambiente familiare non idoneo a spingerla nella rivelazione più atroce, ovvero l’aver subito per circa dieci anni abusi sessuali. Suo padre, infatti, aveva iniziato a violentarla all’età di 5 anni, un padre orco capace di arrivare a tanto
  • Abusi sessuali: cercava le vittime in ospedale

    Cercava le vittime in ospedale, il Niguarda di Milano. Era questo il “terreno di caccia” per “l’orco” che puntava ragazzine minorenni per abusare sessualmente di loro. Una storia che assume contorni atroci soprattutto per la tenera età della vittima e il luogo dove si
  • Se la donna deve subire in silenzio. E i “buonisti” si girano dall’altra parte

    Sono cresciuto con questa convinzione, maturata sin dalla prima infanzia, in quel momento di crescita in cui un bambino inizia ad affacciarsi, pur con tutti i limiti dell’età, al mondo e a quella che è la vita nella società. Conoscendone gli aspetti positivi e negativi. Forse perché sono
  • “Non ci fu nessuno stupro”. Assolti in appello dopo sei anni

    Ora, tuttavia, sono stati assolti perché “il fatto non sussiste”. I fatti risalgono al 27 luglio 2007, e secondo la ricostruzione di allora sarebbe avvenuto in via Baracca. La vittima, all’poca una giovane tossicodipendente, non sarebbe riuscita a garantire una ricostruzione