Scandalo sanità, le accuse a Rizzi: “Potere politico per accumulare denaro”

Motivazioni molto pesanti hanno fatto scattare le manette verso il consigliere leghista e gli altri indagati

16 febbraio 2016
Guarda anche: LombardiaPolitica
rizzi fabio

Sono accuse estremamente pesanti quelle che il gip di Monza Giovanna Corbetta utilizza per motivare l’arresto di Fabio Rizzi e di altre venti persone nell’ambito dell’inchiesta sulla sanità lombarda.

“Hanno fatto del potere politico lo strumento per accumulare ricchezze, non esitando a strumentalizzare le idee del partito che rappresentano, a intimidire facendo valere la loro posizione, chi appare recalcitrante alle loro pretese” scrive il giudice. L’imprenditrice Maria Chiara Canegrati era il vero fulcro del sistema, che portava all’acquisto di materiale odontoiatrico scadente, tramite appalti truccati, in modo da garantire ampi margini di guadagno ai produttori; oltretutto, i cittadini erano così invogliati a rivolgersi a prestazioni sanitarie private, per questo il magistrato parla di “mortificazione della salute pubblica”. A completare il quadro, un’intercettazione telefonica rivela come la Canegrati abbia interamente finanziato l’ultima campagna elettorale di Rizzi. Uno degli appalti truccati ha riguardato anche la Casa della Salute di Borsano di Busto Arsizio, in cui l’area odontoiatrica fu salutata, all’inaugurazione dello scorso novembre, come “la prima attuazione della riforma sanitaria lombarda” di cui Rizzi, finito in manette insieme alla moglie e al capo del suo staff, fu l’ideatore.

Tra gli arrestati, inoltre, figura anche il nome di Donato Castiglioni, storico “pretoriano” di Rizzi all’interno della Lega Nord varesina e già candidato sindaco di Carnago per il medesimo partito nel 2009, quando venne sconfitto dall’attuale primo cittadino Maurizio Andreoli Andreoni.

Tag:

Leggi anche:

  • Corruzione: Fabio Rizzi (Lega Nord) patteggia due anni e sei mesi

    Già sindaco di Besozzo e consigliere regionale nelle fila della Lega Nord, oltre che tra i massimi dirigenti locali del Carroccio, Rizzi venne arrestato a febbraio in quanto coinvolto nello scandalo sulla sanità: col patteggiamento l’imputato ha dunque riconosciuto le accuse di corruzione
  • Lombardia: Rizzi si dimette e chiede il patteggiamento

    “Tale sofferta decisione – ha scritto, a quanto si è appreso, l’ex senatore della Lega al presidente del Consiglio regionale, Raffaele Cattaneo – scaturisce dall’imminenza della conclusione della vicenda giudiziaria nella quale sono rimasto coinvolto, che
  • Reguzzoni in consiglio regionale al posto di Rizzi

    Il Consiglio regionale ha preso atto oggi della sospensione dalla carica di consigliere regionale di Fabio Rizzi, disposta con Decreto dal Presidente del Consiglio dei Ministri pervenuto al Consiglio regionale venerdì 15 aprile. Il Decreto dispone che il provvedimento di sospensione, che decorre
  • Tangenti, Rizzi sospeso da Renzi. Entra Reguzzoni

    Fabio Rizzi, arrestato nel febbraio scorso, è ufficialmente sospeso dalla carica di consigliere regionale della Lombardia. Gli subentrerà Giampiero Reguzzoni, vicesindaco di Busto Arsizio, secondo dei non eletti della lista della Lega Nord (il primo ha già sostituito un altro consigliere