Corruzione: Fabio Rizzi (Lega Nord) patteggia due anni e sei mesi

Il Tribunale di Monza accoglie la richiesta dell'ex sindaco di Besozzo e consigliere regionale

20 luglio 2016
Guarda anche: Politica
Rizzi

Due anni e sei mesi di reclusione: questa è la pena per Fabio Rizzi, con l’accoglimento da parte del Tribunale di Monza della sua richiesta di patteggiamento.

Già sindaco di Besozzo e consigliere regionale nelle fila della Lega Nord, oltre che tra i massimi dirigenti locali del Carroccio, Rizzi venne arrestato a febbraio in quanto coinvolto nello scandalo sulla sanità: col patteggiamento l’imputato ha dunque riconosciuto le accuse di corruzione mosse nei suoi confronti. Per la moglie Lidia Pagani, invece, condanna a quattro mesi.

Tag:

Leggi anche:

  • Lombardia: Rizzi si dimette e chiede il patteggiamento

    “Tale sofferta decisione – ha scritto, a quanto si è appreso, l’ex senatore della Lega al presidente del Consiglio regionale, Raffaele Cattaneo – scaturisce dall’imminenza della conclusione della vicenda giudiziaria nella quale sono rimasto coinvolto, che
  • Reguzzoni in consiglio regionale al posto di Rizzi

    Il Consiglio regionale ha preso atto oggi della sospensione dalla carica di consigliere regionale di Fabio Rizzi, disposta con Decreto dal Presidente del Consiglio dei Ministri pervenuto al Consiglio regionale venerdì 15 aprile. Il Decreto dispone che il provvedimento di sospensione, che decorre
  • Tangenti, Rizzi sospeso da Renzi. Entra Reguzzoni

    Fabio Rizzi, arrestato nel febbraio scorso, è ufficialmente sospeso dalla carica di consigliere regionale della Lombardia. Gli subentrerà Giampiero Reguzzoni, vicesindaco di Busto Arsizio, secondo dei non eletti della lista della Lega Nord (il primo ha già sostituito un altro consigliere
  • Caso Rizzi, l’avvocato: “Pronto a chiarire tutto”

    Rizzi è stato arrestato due giorni fa con l’accusa di far parte di un’associazione a delinquere che avrebbe truccato appalti nella sanità lombarda e, in particolare, nel settore dell’odontoiatria. “Il mio assistito” prosegue “è lucido, sereno, razionale e