Rallenta la ripresa durante l’estate

I risultati dell'indagine congiunturale dell'Unione degli Industriali della provincia di Varese mostra La dinamica un peggioramento rispetto al trimestre precedente

09 novembre 2015
Guarda anche: EconomiaVarese
industria

Il terzo trimestre del 2015 mostra una stabilizzazione del profilo congiunturale. Questa minor dinamicità è in parte legata a motivi stagionali tipici del trimestre estivo, per sua natura meno reattivo, ed arriva dopo tre rilevazioni caratterizzate da miglioramenti congiunturali.

Il periodo in esame è stato segnato anche dall’emergere di alcuni fattori di rischio esogeni (tra cui lo scoppio della bolla cinese, il rallentamento della crescita dei paesi emergenti e negli scambi commerciali mondiali) che non mancheranno di avere ripercussioni a livello locale, in particolare sulle esportazioni. Al momento non è ancora possibile misurarne l’effettiva entità, poiché i dati più recenti disponibili sul commercio estero locale sono riferiti a giugno, stimiamo, però, una riduzione dell’export verso i paesi in via di sviluppo durante il trimestre in esame.
Un ulteriore fattore di rischio emerso a fine settembre riguarda il “dieselgate” che potrebbe colpire la filiera della componentistica meccanica.
Le previsioni per i prossimi mesi non sono comunque negative, ma piuttosto cautelative e conservative. Si prevede, infatti che la crescita dell’economia americana, la tenuta dell’area euro, seppur con tassi contenuti, gli effetti espansivi attesi dalla manovra fiscale e la maggior robustezza di consumi ed investimenti possano mitigare in parte gli effetti negativi connessi ai fattori di rischio precedentemente analizzati. Anche a livello nazionale gli ultimi dati pubblicati dal Centro Studi Confindustria confermano l’attesa per una tenuta: la produzione industriale nazionale ha segnato un recupero dello 0,2% in ottobre su settembre e la fiducia tra le imprese manifatturiere è ancora aumentata in ottobre e traccia una tendenza positiva dell’attività anche nei prossimi mesi.
PRODUZIONE
Nel terzo trimestre 2015 perde momentaneamente velocità la ripresa in atto ormai da qualche mese. La maggior parte delle imprese intervistate (58%) ha, infatti, segnalato livelli produttivi stabili rispetto al trimestre precedente, il 12% in miglioramento e il 30% in peggioramento. Il profilo della produzione quindi, pur essendo orientato ad una stabilizzazione, mostra un saldo nelle risposte (pari alla differenza tra le segnalazioni di crescita e riduzione nei livelli produttivi) negativo (-17), che arriva dopo una serie continua di trimestri che avevano fatto registrare miglioramenti, anche se di ridotta entità per quanto riguarda la crescita dei volumi prodotti.
Le previsioni per l’ultimo trimestre dell’anno si mantengono caute e conservative. Il 54% delle imprese del campione prevede un mantenimento degli attuali livelli produttivi anche nel quarto trimestre del 2015, il 25% un loro incremento e il 21% un peggioramento.
Il grado di utilizzo medio degli impianti per le imprese analizzate nel terzo trimestre del 2015 è pari all’85%, in lieve contrazione rispetto alla rilevazione precedente (87%).

Barometro degli ordinativi
(andamento del portafoglio ordini rispetto al trimestre precedente, saldo nelle risposte: -28)

ORDINI
La dinamica del portafoglio ordini riflette l’andamento della produzione e registra un peggioramento rispetto al trimestre precedente. Il saldo delle risposte è negativo (-28) a fronte del 50% delle imprese del campione che ha mantenuto ordini in linea con la scorsa rilevazione, del 39% che ha visto una loro riduzione e dell’11% che ha segnalato un incremento.

MERCATO DEL LAVORO

Nel terzo trimestre 2015 sono state autorizzare 1.838.043 ore di cassa integrazione guadagni ordinaria nel comparto industriale. Il dato riferito al periodo estivo è in contrazione (-51,3%) rispetto al trimestre precedente per motivi stagionali.
Guardando all’intero periodo gennaio-settembre 2015 sono state complessivamente autorizzate 15.460.374 ore di cassa integrazione nel comparto industriale, ripartite tra ordinaria (8.826.244 ore, pari al 57,1% delle totale), straordinaria (6.549.763 ore, pari al 42,4%) ed in deroga (84.367 ore, pari allo 0,5%). Rispetto ai primi nove mesi dello scorso anno complessivamente si è registrata una riduzione del -29,5% delle ore autorizzare nel comparti industriale. Questa contrazione è stata riscontrata, anche se con diversa intensità, con riferimento a tutte e tre le tipologie di cassa integrazione: le ore autorizzate di cassa ordinaria hanno segnato una riduzione del -10,5 % rispetto allo stesso periodo del 2015, quelle di straordinaria del -44% e quelle in deroga del -76,5%. (Per maggiori dettagli leggi anche “Andamento Cassa Integrazione Guadagni”. Link per scaricare il file).

MERCATI ESTERI

I dati provvisori disponibili sul commercio estero varesino sono relativi al primo semestre 2015 e mostrano in questo intervallo temporale un miglioramento nei flussi commerciali varesini, che è andato intensificandosi nel corso dei mesi. L’export nel primo semestre del 2015 ha raggiunto 5.055 milioni di euro, valore in aumento del +3,5% rispetto allo stesso periodo del 2014. Le importazioni hanno raggiunto 3.180 milioni di euro, registrando una crescita del +6,8%. Queste dinamiche hanno prodotto un saldo commerciale ancora positivo (+1.875 milioni di euro), ma in contrazione rispetto al primo semestre 2015 (-1,6%).
Tuttavia, durante l’estate i flussi commerciali mondiali hanno registrato un rallentamento che potrebbe avere ricadute anche a livello locale. Ci attendiamo, quindi, una minor dinamicità anche nei flussi commerciali varesini nel trimestre estivo, quanto meno con riferimento ai mercati emergenti che stanno attraversando una fase di decelerazione.

I settori:
COMMERCIO ESTERO Gennaio – giugno 2015 Variazione rispetto
Provincia di Varese (dati provvisori) Gennaio – giugno 2014
Principali settori Importazioni Esportazioni Importazioni Esportazioni
euro euro Var. % Var. %
Metalmeccanico 1.504.538.411 3.179.827.468 +14,8 +5,7
Tessile-abbigliamento 238.766.462 408.163.872 +0,8 -1,5
Chimico e farmaceutico 707.607.467 507.131.750 -4,1 -2,5
Gomma e materie plastiche 115.572.611 440.996.925 +4,5 +5,9
Totale provincia 3.179.803.888 5.055.328.828 +6,8 +3,5
Saldo commerciale 1.875.524.940 -1,6
Fonte: elaborazioni Unione degli Industriali della Provincia di Varese su dati Istat

Per quanto riguarda i mercati di riferimento, crescono nel primo semestre del 2015 le esportazioni verso le principali aree avanzate. Verso l’Unione Europea si registra un incremento dell’export del +3,7% rispetto al primo semestre 2015, con un aumento riscontrato verso quasi tutti i paesi principali destinatari delle esportazioni varesine. Anche verso l’America Settentrionale si registra un miglioramento del +9,5%, spinto dalla ripresa in atto nei primi mesi dell’anno negli Stati Uniti. Tra le aree in via di sviluppo si segnalano esportazioni in crescita verso il Medio Oriente (verso cui sono quasi raddoppiati i flussi in uscita), mentre si registra una contrazione degli scambi verso gli altri mercati emergenti, preludio del rallentamento in atto in queste economie. (Per maggiori dettagli leggi anche “Commercio estero varesino”. Link per scaricare il file).
EXPORT SETTORE MANIFATTURIERO: PRIME 10 DESTINAZIONI
Provincia di Varese, gennaio – giugno 2015
PAESI Mln di euro
(per il solo manifatturiero) Peso % su totale
(per il solo manifatturiero) Var % gen-giu 2015/gen-giu 2014
(per il solo manifatturiero)
Germania 614 12% +2,9%
Francia 532 11% +5,3%
Stati Uniti 293 6% +12,3%
Regno Unito 255 5% +11,9%
Svizzera 231 5% -6,9%
Spagna 214 4% +3,7%
Emirati Arabi Uniti 203 4% +266,4%
Paesi Bassi 140 3% -21,1%
Polonia 137 3% +15,6%
Turchia 128 3% +13,9%
Fonte: elaborazioni Unione degli Industriali della Provincia di Varese su dati Istat
PRINCIPALI SETTORI

Settore metalmeccanico:

La congiuntura delle imprese del settore metalmeccanico segna un rallentamento, dopo aver registrato miglioramenti congiunturali nei tre trimestri precedenti. Il 75% delle imprese intervistate ha segnalato una produzione in linea con il trimestre precedente, il 20% in peggioramento e solo il 5% in miglioramento. Questo rallentamento al momento appare temporaneo, legato al periodo di rilevazione che, includendo i mesi estivi, è per sua stessa natura meno dinamico. Le previsioni per il prossimo trimestre mostrano, infatti, un’evoluzione positiva: il 37% delle imprese metalmeccaniche del campione si attende un ritorno alla crescita nei livelli produttivi, il 38% un loro mantenimento ai valori attuali, il 25% una riduzione. La consistenza del portafoglio ordini all’interno del settore riflette l’andamento della produzione con il 53% delle imprese intervistate con ordini stabili rispetto al trimestre precedente, il 41% in contrazione e solo il 6% in espansione.
Barometro della produzione
(andamento della produzione rispetto al trimestre precedente, saldo nelle risposte: -20)
Settore moda:

La congiuntura all’interno del settore moda mostra un peggioramento dei livelli di produzione rispetto alla scorsa rilevazione. Nel terzo trimestre del 2015, infatti, il 53% delle imprese intervistate ha dichiarato livelli produttivi in contrazione rispetto al trimestre precedente, a fronte del 14% che non ha rilevato variazioni e del 33% che ha visto una loro crescita. Le previsioni per il prossimo trimestre sono cautelativamente orientate a un mantenimento dei livelli produttivi attuali come dichiarato dall’86% delle imprese intervistate. Tuttavia, il saldo nelle risposte riferite all’andamento del portafoglio ordini appare positivo (+18) e si potrebbe, quindi, registrare nel prossimo trimestre un risultato superiore alle aspettative. Il 50% delle imprese del campione ha, infatti, registrato un incremento negli ordinativi, il 18% una loro stabilizzazione e il 32% una riduzione.
Barometro della produzione
(andamento della produzione rispetto al trimestre precedente, saldo nelle risposte: -48)

Settore chimico e farmaceutico:
La congiuntura del settore chimico e farmaceutico, dopo aver segnato un risultato positivo nella scorsa rilevazione, registra un peggioramento. Dal punto di vista produttivo il 71% degli imprenditori intervistati ha dichiarato un peggioramento rispetto al trimestre scorso, a fronte del 6% che ha mantenuto gli stessi livelli di produzione e del 23% che ha segnalato un miglioramento. Le previsioni per il prossimo trimestre risentono dei fattori di rischio emersi nello scenario internazionale: il 47% delle imprese del campione si attende un mantenimento della situazione attuale, mentre il restante 53% teme un peggioramento. Il profilo degli ordinativi riflette queste previsioni con il 31% delle imprese intervistate che ha dichiarato ordini stabili rispetto al trimestre precedente, a fronte del 69% che ha registrato una contrazione.

Settore gomma e materie plastiche:

Nel trimestre estivo si stabilizza la congiuntura all’interno del settore gomma e materie plastiche sotto il profilo produttivo: il 16% delle imprese del campione ha dichiarato una ulteriore crescita nella produzione rispetto al trimestre precedente, il 71% una situazione stabile e il 13% un peggioramento. Le aspettative per il prossimo trimestre sono cautelative e orientate ad un mantenimento dei livelli attuali. Anche l’andamento del portafoglio ordini è stabile per la maggior parte delle imprese intervistate (87%), anche se il 13% segnala qualche difficoltà.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti