Mense, il Movimento 5 Stelle: “La sovranità alimentare personale prima di tutto”

Approvata in Regione una mozione dei pentastellati che dà la possibilità di portarsi il pasto da casa

12 gennaio 2016
Guarda anche: LombardiaPolitica
Foto mensa

Il Consiglio regionale ha discusso e approvato una mozione del M5S Lombardia sul caso del servizio di mensa scolastica presso il comune di Corsico. Il 7 gennaio scorso il sindaco ha infatti sospeso il servizio mensa per quei bambini i cui genitori non hanno pagato la retta.
La mozione invita la Giunta regionale  a sollecitare gli organi Istituzionali competenti per “dare la possibilità alle famiglie degli studenti lombardi di scegliere se usufruire del servizio mensa oppure permettere di portare il pasto da casa, dando linee guida per la corretta alimentazione e facendone quindi un momento di reale educazione alimentare anche per le famiglie”.
Per Paola Macchi, consigliere del M5S Lombardia  e prima firmataria dell’atto: “Il problema è sistemico,  molti Comuni lombardi,  non solo Corsico, hanno accumulato debiti per i mancati pagamenti per il servizio della mensa scolastica a causa dei costi delle mense in Lombardia insostenibili per molte famiglie ; talvolta arrivano a superare anche i 7 euro a pasto e sia le quote che le fasce Isee relative cambiano da comune a comune . Ambrosoli ha proposto alla regione di sostenere il comune nella riscossione delle quote; una pezza ad un grave problema, di cui si discute da anni, che va affrontato a monte. Al momento è necessario garantire che i bambini possano pranzare a scuola, che non esistano discriminazioni tra chi usa la mensa e chi non può permettersela ma che sia permesso alle famiglie di scegliere autonomamente quale opzione corrisponda meglio alle sue condizioni economiche ed etiche. L’idea di agire perché gli studenti possano scegliere se portare il pasto da casa o usufruire della mensa oltre che accettabile e concreta risulta di gran lunga più economica. In più nessun bambino rischierebbe più di rimanere a digiuno quando il menù proposto dalla mensa scolastica non è gradito. Nella maggior parte degli altri paesi europei questa è la normalità, vissuta con serenità da famiglie e studenti che si vedono riconosciuto il principio della sovranità alimentare personale. L’approvazione è il primo passo per la realizzazione di scelte alimentari autonome come prevede l’Art. 32 della Costituzione”.

Tag:

Leggi anche:

  • Progetto Binda 2017, quando il ciclismo è passione

    Il “Progetto Binda 2017” prende ufficialmente il via martedì 25 aprile con la Piccola Tre Valli Varesine, giunta alla sua 41° edizione. La tradizionale gara – valevole come 2° prova del Giro della Provincia categoria Allievi e come 3° Trofeo Veneto Banca – si disputerà a Induno
  • La Pro Loco fa il “giro del mondo” con Paola Gianotti

    Emozionante serata nella Sala consiliare del Castello Visconteo per il “Mese della Cultura” organizzato dalla Pro Loco Fagnano Olona guidata da Armida Macchi e Paolo Bossi. Guest star del momento è stata la famosa ciclista Paola Gianotti, contattata tramite il Gruppo Sportivo
  • Pallanuoto, 24ª giornata: la BPM Sport Management nella tana del Torino ‘81

    Torna il campionato di Serie A1. Ad un mese dalle Final Six di Torino, la BPM Sport Management domani sarà proprio nel capoluogo piemontese per sfidare il sette di coach Aversa. Una sfida in cui i Mastini sono i favoriti sulla carta, ma che non dovranno assolutamente sottovalutare in quanto il
  • Volley – La UYBA non passa a Cremona e dice addio ai sogni scudetto

    A 24 ore dalla vittoria per 3-0 (26-24, 25-22, 25-20) nella gara-2 dei quarti di finale di playoff scudetto, la UYBA perde 3-0 (25-22, 27-25, 25-19) la decisiva gara-3 sul taraflex del PalaRadi di Cremona contro le padrone di casa della Pomì Casalmaggiore. Saranno quindi le rosa di coach