La Cgil varesina incontra i russi

La delegazione guidata dal segretario Colombo si è confrontata con i sindacalisti di Fnpr della regione degli Urali

10 ottobre 2015
Guarda anche: Lavoro
Cgil

Pubblichiamo di seguito un comunicato stampa della Cgil varesina in merito all’incontro avvenuto con una delegazione del sindacato russo della regione degli Urali – Fnpr.

Il sindacato lombardo continua a tessere relazioni internazionali.
La CGIL di Varese riceve la visita di una delegazione del Sindacato russo della Regione degli Urali FNPR, che è in Lombardia per una visita conoscitiva sul tessuto industriale lombardo e per conoscere l’attività della CGIL a tutela dei lavoratori.
A Varese la CGIL ha già avuto occasione in passato di fare iniziative di livello internazionale e di accogliere ospiti da altri paesi europei ed ora extra-UE.
Per la CGIL Lombarda e per strutture territoriali come la Camera del Lavoro di Varese l’impegno nell’attività internazionale è all’ordine del giorno dell’iniziativa sindacale, e non per caso: Il tessuto produttivo di province come Varese vede una presenza importantissima di imprese multinazionali e di imprese la cui attività è proiettata all’estero. Lo scalo aeroportuale di Malpensa inoltre facilita l’internazionalizzazione.
L’internazionalizzazione della nostra economia è stata un considerevole tampone all’impatto della crisi, laddove imprese amministrazioni e territori si son fatti trovare pronti. Non è quindi un caso che anche la CGIL, il maggiore sindacato, operi su scala internazionale in Lombardia. CGIL Varese invia da anni suoi quadri e dirigenti a svolgere attività di confronto e network sindacale all’estero, partecipando a progetti e a visite di studio, perché è fondamentale per il sindacato anche a livello locale e perché la strategia della CGIL è chiara: si deve fare il sindacato europeo.
In questa occasione gli ospiti sono in visita a Varese perché all’estero riscontriamo un grande interesse verso la nostra maniera di organizzarci e presidiare il territorio, caratteristica non di tutti i sindacati.
Infatti il sistema dei servizi, la tutela individuale dei lavoratori a fianco alla tutela e alla contrattazione collettiva sono pilastri della nostra organizzazione che vengono studiati con attenzione all’estero, come buone pratiche da cui prendere esempio.
Venerdi 9 ottobre 2015, la delegazione del sindacato russo FNPR, ha incontrato dapprima Elena Lattuada,  Segretaria generale della Cgil Lombardia e successivamente,  in occasione della visita presso la camera del lavoro provinciale,  Umberto Colombo,  Segretario generale della Cgil di Varese, i componenti della Segreteria Confederale nonché i Segretari generali delle categorie del sindacato varesino che si sono confrontati con i sindacalisti russi sui temi del lavoro e della contrattazione.

Tag:

Leggi anche:

  • Varese: la Cgil in piazza col pullman dei diritti

    Alle ore 16.15 arriverà in piazza il “pullman dei diritti” che in queste settimane attraversa il Paese per manifestare ed esplicitare l’iniziativa della Cgil, che comprende anche la presentazione di un nuovo statuto delle lavoratrici e dei lavoratori.
  • “Fascismo & simpatia”. Imbrattate la Camera del Lavoro e la Casa del Partigiano

    Due scritte sono apparse sui muri della Camera del Lavoro e della Casa del Partigiano di Saronno. “Fascismo & simpatia” e “Merry X Mas”, facendo in quest’ultima un gioco di parole tra l’augurio natalizio e il nome della X Flottiglia Mas, il corpo di marina da
  • Cgil, Cisl e Uil: “Rivedere il sistema previdenziale”

    Tante le richieste sindacali sul tavolo, per un tema centrale per il futuro del Paese: dal secco no all’ipotesi di ricalcolo contributivo delle pensioni alla centralità della “quota 100” (60 anni di vita, 40 di contributi), passando per la proroga dell’”Opzione Donna”, il
  • Domani mattina presidio dei sindacati in Prefettura

    Cgil, Cisl e Uil ribadiscono le proprie proposte di revisione del sistema previdenziale, che si fondano su un secco no all’ipotesi di ricalcolo contributivo delle pensione in essere e sulle proposte di riconoscere il lavoro di cura familiare, di reintrodurre la gradualità nell’aumento