Castelseprio: trenta giovani archeologi al lavoro nel sito Unesco

Iniziativa di studio e di restauro promossa dalla Provincia di Varese

05 luglio 2016
Guarda anche: Tradate
castelseprio

Sono 30 i giovani archeologi che da ieri stanno lavorando allo scavo della casa longobarda all’interno del sito Unesco di Castelseprio. L’obiettivo è studiare la stratificazione e iniziare a indagare anche le parti esterne all’abitazione, oggi ancora coperte dal mistero e della terra. L’intervento rientra nel più ampio progetto denominato “Tecnologie innovative per la gestione integrate e interventi di valorizzazione”, che prevede anche una serie di azione già portate a termine. Tra queste vi sono la realizzazione di una foto leader dell’area archeologica, che ha permesso di ottenere una più approfondita mappatura dell’intero complesso e il recupero e la riqualificazione delle aree boschive di pertinenza della Provincia. Dopo il lavoro agli scavi, eseguito dagli studenti della Facoltà di Scienze dei Beni culturali dell’Università Cattolica di Milano e della Scuola di specializzazione dei Beni Archeologici, “entrerà in azione” il Politecnico di Milano, altro partner del progetto, che creerà un sistema informativo territoriale, la rielaborazione della foto leader già eseguita e la mappatura digitalizzata dell’intera area.

Quello che sta interessando la casa longobarda in realtà non è il primo scavo e l’ultimo risale ormai agli anni Ottanta. Ora gli studenti, sotto la direzione scientifica dei docenti Silvia Lusuardi Siena, Marco Sannazzaro e Caterina Giostra lavoreranno sul restauro delle mura e delle pertinenze già riportate alla luce, indagheranno le aree non scavate attorno alla casa ed elaboreranno uno nuovo studio stratigrafico. Il progetto, avviato qualche anno fa e che prevede un investimento di 252 mila euro, è stato finanziato, oltre che da Provincia di Varese, attraverso la partecipazione a un bando ad hoc relativo ai siti Unesco, anche da Regione Lombardia per un importo di 104 mila euro.

«La valorizzazione di Castelseprio, che è patrimonio Unesco, è uno dei nostri obiettivi – ha dichiarato il Consigliere provinciale alla Cultura Alberto Tognola – Particolarmente significativa è questa collaborazione con l’Università. Una collaborazione concreta, che porta gli studenti a compiere una bella formazione sul campo e in un contesto di grandissima importanza».

 

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare