Candiani all’Ospedale di Tradate “Non diventi rifugio per medici con un curriculum problematico”

L’ex sottosegretario dell’Interno Stefano Candiani “Il problema non riguarda solo Tradate ma tutti gli ospedali lombardi”

30 Dicembre 2018
Guarda anche: Tradate

L’ex sindaco e Sottosegretario all’Interno Stefano Candiani in visita all’ospedale di Tradate dopo il caso del “dottor seppia”. Ieri (venerdì) Candiani ha incontrato infermieri, medici, primari e il direttore sanitario Brunella Mazzei. Al centro la vicenda del dottor Emilio Alfano, giunto a Tradate tramite la cooperativa chiamata dall’Asst a colmare le carenze di personale.
“Quello delle seppie è solo l’elemento più ‘folkloristico’ del suo curriculum – ricorda Candiani – Curriculum che comprende la presenza ubriaco in orario di servizio, aggressioni e anche i domiciliari. Non è questo il personale che l’ospedale di Tradate si merita e non posso accettare che sia questo lo standard sanitario della Lombardia. Ho scritto all’assessore regionale alla Sanità Giulio Gallera, chiedendo di intervenire quanto prima”.

“I medici mi hanno confermato che il problema non è la cooperativa: gli altri medici in servizio a Tradate lavorano molto bene – continua Candiani – E’ una soluzione utile a limitare i disagi, a patto però che l’ospedale di Tradate non diventi rifugio per medici con un curriculum problematico. Il problema va risolto alla radice”.

“I letti in Medicina sono tutti occupati, e ieri sera nel Pronto Soccorso di Tradate c’erano una quarantina di pazienti in attesa, un’ottantina a Varese. Queste proporzioni non vanno bene, il Circolo ha capacità d’accoglienza molto maggiori – continua Candiani – Il nodo principale però, come sappiamo, riguarda chi ricorre al Pronto Soccorso: in maggior parte pazienti che potrebbero, e dovrebbero, essere seguiti a casa, da medici di base e guardia medica. Persone a cui non serve aspettare ore in sala d’attesa per un antibiotico. Se medici di base e guardia medica mandano i pazienti al Pronto Soccorso è ovvio che poi ci siano decine e decine di accessi, che si allunghino i tempi di attesa e che non ci siano letti in Medicina per chi ne ha bisogno”

“Anche di questo – conclude il Sottosegretario – ho parlato in questi giorni con Gallera, perchè il problema non riguarda solo Tradate ma tutti gli ospedali lombardi”.

Tag:

Leggi anche:

  • Coronavirus, medici rumeni arrivati a Linate destinati all’Asst di Lecco

    Coronavirus, medici rumeni atterrati a Linate. Accolta dal vicepresidente di Regione Lombardia Fabrizio Sala e dal sottosegretario alla Presidenza con delega ai Rapporti con le delegazioni internazionali Alan Rizzi, l’equipe giunta dalla Romania formata da 11 dottori e 4 infermieri sarà
  • Gallera “I primi pazienti in Fiera tra domenica e lunedì”

    “In Lombardia stiamo notando una flessione nel numero dei casi, ma soprattutto della pressione sui pronto soccorso e sull’azione delle ambulanze. Negli ultimi 4 giorni è cambiato molto. E’ il segno che il grande sforzo che stiamo facendo, al di là di qualche idiota, sta
  • Le farmacie di Varese a domicilio

    I farmaci a casa tua, con consegne sicure e gratuite. Un servizio che Federfarma Varese ha attivato da tempo, ma che pochi conoscono e che oggi, complice l’emergenza coronavirus, assume un valore ancor più importante. L’iniziativa è rivolta a coloro che non possono recarsi personalmente in
  • #VARESEVASEMPREAVANTI Misure per crisi sanitaria

    L’aspra congiuntura economica che stiamo vivendo a seguito dell’emergere della crisi legata al coronavirus Covid-19, impone un’azione immediata e chiara nei contenuti a favore delle imprese, dei lavoratori e di tutti gli operatori del nostro territorio. Alla luce di questa