Capelli: “Cinquestelle sbeffeggianti e irriguardosi”

Intervento del capogruppo di Ncd in consiglio regionale sugli ''scontri'' avvenuti in aula durante la mozione di sfiducia contro il presidente Roberto Maroni

02 marzo 2016
Guarda anche: MilanoPolitica

Sbeffeggianti e irriguardosi, ma tristemente demagoghi e manettari, Cinque stelle e opposizioni (con sfumature) hanno cercato di distinguersi in Consiglio regionale buttandola in una farsa tragicomica. Forse vittime della prossima campagna elettorale di Milano. Ci sarebbe anche da ridere se non lo facessero coi soldi di tutti e se il tema sollevato non fosse drammatico.

Oggi (ieri, ndr) – legittimamente – hanno messo a tema la sfiducia a Roberto Maroni ma non avendo intaccato la maggioranza hanno organizzato la clac. La colpa: si è proposto come uomo del nuovo, della ramazza, ed invece alcuni dei suoi sono finiti nel vortice delle – sacrosante in alcuni casi – inchieste giudiziarie.

Chi ha sbagliato? Maroni a fidarsi, a non vigilare abbastanza? Per questo, bocca ai fischietti – come cobas o come direttori del traffico – hanno fatto sentire trombette e frifri tra i banchi del Pirellone: deve dimettersi. Hanno urlato, vestendo felpe di salviniana memoria. Anzi deve proprio andare subito a casa, lui e tutta la sua Giunta.

Qual è la sua colpa? Di cosa è reo? Perché Mantovani, altri suoi collaboratori ed ora Rizzi sono accusati a vario titolo di comportamenti che poco o nulla hanno a che vedere con quello di politici impegnati a ben governare. Dunque, per proprietà transitiva, anche Maroni ha fallito miseramente.

In questo modo hanno creduto di mettere la Riforma del sistema socio-sanitario lombardo sul banco degli imputati, quasi fosse la colpevole. Ed invece oggi è uscita dall’aula vociante in tutta la sua statura: se siamo stati capaci di lavorare e approvarla con queste premesse, farla leggere, approfondire e approvare dagli operatori sanitari, dalle organizzazioni, dai territori, dall’apparato e persino dalla politica, con due anni di gestazione, vuol dire che il lavoro fatto – che è stato immenso – ha portato il frutto sperato, voluto. Ma va applicato, altro che buttarla nel cestino.

Per questo abbiamo invitato pubblicamente a Maroni (riconfermandogli la fiducia) e a tutta la maggioranza di rilanciare l’azione politica e una Riforma che qualifica l’intero mandato. E su questo abbiamo chiesto d’intensificare la determinazione e la rapidità. Senza strumentalizzare le debolezze, come ha fatto invece qualcuno. La complessità, l’interconnessione e la profondità delle relazioni col territorio che la l.r. 23/2015 contiene chiedono una straordinaria decisione nell’applicazione.

L’interesse dei cittadini e niente altro dimostrerà la nostra buona fede e la sua capacità di governo della Regione. 

Angelo Capelli 
Capogruppo Ncd Regione Lombardia

Tag:

Leggi anche:

  • Lombardia: approvata nuova legge su salute mentale e veterinaria

    “L’istituzione del dipartimento integrato per la neuropsichiatria infantile –ha detto il relatore Angelo Capelli- garantisce la continuità della presa in cura dei bambini andando incontro alle esigenze degli stessi operatori, mentre anche il settore dell’autismo, per il quale in passato si
  • Cinquestelle espulsi dall’aula: “Siamo gli unici a protestare per la trasparenza e i cittadini”

    “Siamo stati espulsi dall’aula per due giornate. Abbiamo scoperto che non succedeva dal 1997. Per tutta l’epoca formigoniana, con annessi scandali e ruberie varie, la cosidetta opposizione del PD non ha mai fatto proteste in aula… fatevi una domanda e datevi una
  • Regione Lombardia: respinta la mozione di sfiducia a Maroni

    Notevoli le proteste da parte dei consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, che hanno persino mimato il gesto delle manette venendo espulsi dall’aula. Il governatore commenta così sui social network: “La mia maggioranza compatta ha respinto la strampalata mozione di sfiducia
  • Maroni è “salvo”. Respinta la mozione di sfiducia

    “La sanità lombarda non paga tangenti, è un sistema sano” ha detto in Aula in apertura di seduta il Presidente Roberto Maroni facendo riferimento all’arresto del Vice Presidente, ora autosospeso, Mario Mantovani. “Chiunque d’ora in poi assocerà pertanto la sanità