Campagna elettorale: quanto si spende in rete?

Budget in crescita per i social media e gli altri strumenti online

17 maggio 2016
Guarda anche: Elezioni comunali 2016Politica
Facebook

Secondo un’indagine della Camera di commercio di Milano che ha sentito oltre 30 agenzie di comunicazione, la campagna elettorale si gioca soprattutto sui social network: da uno a dieci valgono otto. Sono importanti per l’immediatezza e perché vicini alle nuove generazioni. Alla campagna elettorale in rete è destinato il 20% del budget. Il social media più importante per la campagna elettorale è Facebook, con quasi la metà delle preferenze, seguito da Twitter.

Le campagne elettorali valgono circa un decimo del fatturato del periodo delle imprese del settore. “Nelle campagne elettorali è cambiato il modo di fare pubblicità rispetto al passato – spiega Umberto Bellini, presidente di Asseprim, la Federazione Confcommercio dei servizi professionali per le imprese -. La campagna elettorale rappresenta un momento di coinvolgimento per molte aziende del settore. Un lavoro particolarmente intenso e concentrato nel periodo prima delle elezioni, spesso portatore di novità nel modo di comunicare che resteranno in futuro. Oggi la campagna si gioca molto online e sui social network che, grazie alla loro immediatezza, stimolano il dibattito anche da parte delle nuove generazioni. Ben si prestano rispetto ai tempi ristretti, all’immediatezza, alla possibilità di raggiungere e ampliare i propri interlocutori”.

Sono 8 mila le imprese che si occupano di comunicazione e pubblicità in Lombardia e pesano un quarto sull’intero settore a livello nazionale, dove sono 32 mila. Più numerose le agenzie pubblicitarie con più di 4.000 attività, le imprese di rilevazione di opinioni e sondaggi, 2 mila, le oltre mille concessionarie pubblicitarie. Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano sui dati del registro imprese 2015e 2014. Per la Lombardia, a Milano ci sono 5 mila imprese. La seguono Brescia con 860 imprese, Monza e Brianza con circa seicento, Bergamo con cinquecento e Varese con quattrocento. Le imprese calano circa del -2% sia in Lombardia che in Italia. Gli addetti sono 42 mila in Lombardia (2 mila in più in un anno) e 90 mila in Italia (3 mila in più). Milano concentra 33 mila addetti del settore, 2 mila in più in un anno. Una impresa su cinque è femminile e una su dieci di un giovane.

Prime: Milano con 5 mila imprese, Roma con quasi 4 mila, Torino, Napoli, Brescia con circa mille, Bari, Firenze, Bologna, Verona, Padova con circa settecento e Monza con circa seicento.

Tag:

Leggi anche:

  • La BPM Sport Management riparte dal Campionato

    Dimenticare l’Euro Cup e testa solo al Campionato. Questo è l’obiettivo della BPM Sport Management che, dopo essere stata eliminata in semifinale di coppa dal Digi Oradea, domani nella Piscina del Foro Italico, affronterà la Roma Vis Nova nel turno infrasettimanale valido per la 16ª di
  • Sport varesino: i risultati di calcio, volley, basket

    Altro giro, altra corsa: anche questo weekend molte delle squadre varesine sono scese in campo nei propri campionati, vediamo come è andata. CALCIO – Nonostante le note vicende societarie, in campo il Varese non ha intenzione di fare sconti e oggi, nelle delicata trasferta a Pinerolo, è
  • Euro Cup: fatali i rigori per la BPM Sport Management

    Trasferta amara in Romania per la BPM Sport Management. Il sette di coach Baldineti perde 9-6 (0-1, 2-0, 0-2, 3-0 – Rigori 4-3) contro i padroni di casa del CSM Digi Oradea ed esce dall’Euro Cup. La lotteria dei rigori, dunque, è stata decisiva per determinare la seconda finalista, che
  • Volley – La UYBA non concede il bis e cade a Cremona

    Dopo la vittoria di sabato sera contro la Foppapedretti Bergamo, liquidata in soli tre set al termine di una prestazione ottima da parte di tutte le farfalle, la UYBA non fa il bis al PalaRadi di Cremona dove, nel turno infrasettimanale, esce sconfitta per 3-1 (25-23, 25-16, 16-25,