Brenta e Cuasso al Monte, dove l’unico candidato batte l’astensionismo

Ad entrambi i sindaci serviva almeno il 50% di affluenza. Per Ballardin successo dopo la vicenda giudiziaria

07 giugno 2016
Guarda anche: Luinese
vivacuasso

In due dei 34 Comuni del Varesotto chiamati alle urne domenica 5 giugno si presentava un unico candidato sindaco: in questo caso, la legge prevede che debba votare almeno il 50% degli aventi diritto, pena il commissariamento del Municipio. Tale circostanza si era verificata un anno fa a Brezzo di Bedero, dove invece, quest’anno, sono stati ben tre a sfidarsi per la poltrona di primo cittadino.

Anche a Cuasso al Monte, però, si veniva da una situazione simile, perché la Giunta guidata da Paola Martinelli era crollata a causa delle dimissioni di diversi consiglieri: dunque, lunghi mesi di commissariamento e lo spettro, qualora non avesse votato la metà dei cuassesi, di proseguire nell’inattività forzata per almeno un altro anno. Alla fine, però, alle urne si è recato il 55.38% degli abitanti di uno dei paesi più territorialmente vasti del Varesotto, adagiato tra Valceresio, Valganna e lago di Lugano: Franco Ziliani della lista Viva Cuasso è così diventato sindaco, ruolo già esercitato sino al 2009.

Affluenza di poco più bassa a Brenta, col 52.41% degli elettori al seggio. Gianpietro Ballardin è stato dunque confermato sindaco con la sua lista Uniti per Brenta: un risultato decisamente significativo, se si pensa alla vicenda che lo interessò a gennaio quando venne prima arrestato per l’inchiesta riguardante la Polizia Locale del Medio Verbano, poi rilasciato nel giro di pochi giorni senza che la stessa inchiesta, nei mesi successivi, abbia portato a sbocchi interessanti. Nel mezzo, però, il suo caso era diventato di rilevanza nazionale anche grazie alla campagna sui social e sui blog del Movimento 5 Stelle, che inscenò persino una protesta davanti al Municipio. Evidentemente, però, i brentesi hanno ritenuto Ballardin ancora meritevole della loro fiducia.

Curiosità: a Cuasso le schede bianche e nulle rappresentano oltre il 7% del totale, a Brenta superano il 10%. Due chiare testimonianze di come molti cittadini, pur non condividendo le uniche candidature in campo, hanno voluto comunque evitare che il proprio paese venisse commissariato.

Tag:

Leggi anche:

  • Volley – La UYBA vola ai quarti, ma che fatica!

    La UYBA torna da Minsk con la qualificazione ai quarti di finale di Coppa Cev in tasca. Il ko per 3-2 (25-22, 22-25, 25-21, 24-26, 15-10) rimediato nella gara di ritorno degli ottavi in casa del Minchanka Minsk, infatti, consente alle farfalle di strappare il pass per il turno successivo in virtù
  • BCC Cup, il basket con il cuore raccoglie 10.000 euro per la fondazione Il Ponte del Sorriso

    Il primo trofeo BCC Cup è andato alla solidarietà. La grande partecipazione di pubblico sugli spalti del PalaBorsani e l’agonismo messo in campo dalla Pallacanestro Openjobmetis Varese e dal Legnano Basket Knights hanno fatto vincere il grande cuore del basket e di tutti gli appassionati della
  • Volley – UYBA in Bielorussia per la Coppa CEV

    Sono due le trasferte consecutive in calendario per la UYBA che poi, non essendosi qualificata per le Final Four di Coppa Italia (Firenze, 4/5 marzo), potrà tirare un po’ il fiato. Questa mattina le farfalle sono volate in Bielorussia, a Minsk, mentre domenica saranno di scena al Mandela Forum
  • La BPM Sport Management riparte dal Campionato

    Dimenticare l’Euro Cup e testa solo al Campionato. Questo è l’obiettivo della BPM Sport Management che, dopo essere stata eliminata in semifinale di coppa dal Digi Oradea, domani nella Piscina del Foro Italico, affronterà la Roma Vis Nova nel turno infrasettimanale valido per la 16ª di