Viabilità, Brebbia: protratto il divieto di transito sulla Provinciale per i mezzi pesanti

Positivo l'impatto della misura attuata a novembre e ora prorogata

14 gennaio 2016
Guarda anche: Laghi
tir camion

La viabilità provinciale dell’area ad est di Varese rappresenta la maglia principale della mobilità, costituendo di fatto il collegamento con la SS 629 e la viabilità autostradale.

Una delle criticità maggiori è rappresentata dagli attraversamenti dei centri abitati, in quanto tali arterie sono state realizzate in tempi in cui la mobilità veicolare era molto diversa dall’attuale ed attorno alla quale si è sviluppato il tessuto urbano, con edificazioni a ridosso della carreggiata stradale. Tutto questo fa sì che le caratteristiche geometriche di diverse strade provinciali siano inadeguate al transito dei mezzi destinati al trasporto merci, ma che di fatto allo stato attuale non vi siano strade alternative per evitare l’attraversamento dei centri abitati.

«Come Provincia di Varese stiamo affrontando questa problematica istituendo dei tavoli di lavoro tecnici aperti ai rappresentanti dei comuni e delle categorie, per individuare interventi e proposte utili ad trovare soluzioni che abbiano una visione territoriale di area omogenea e che siano favorevoli ai cittadini residenti e alle necessità di chi lavora», dichiara il Consigliere provinciale delegato alla Viabilità Marco Magrini.

Uno dei temi principali di questi tavoli è rappresentato dal percorso urbano delle SS.PP. 32 e 50 in Comune di Brebbia e proprio riconoscendo l’urgenza e la necessità di affrontare in particolar modo il passaggio dei mezzi pesanti lungo la S.P. 32 nel tratto compreso la via Pasubio e la S.P. 50, si è avviato un confronto con i comuni di Brebbia e di Ispra. Esaminati i dati relativi ai flussi di traffico pesanti si è acconsentito nel mese di novembre ad una modifica sperimentale della viabilità, introducendo un divieto di transito lungo la S.P. 32 nella sola direzione Travedona Monate per i mezzi superiori alle 8 tonnellate.

«Dopo due mesi, verificato l’impatto sostanzialmente positivo sul territorio – ha conclude Marco Magrini – abbiamo deciso di proseguire la sperimentazione fino a giugno, limitando però, a partire dal primo febbraio, la fascia oraria; il passaggio dei mezzi pesanti verrà quindi consentito nelle ore serali e notturne, per venire incontro alle esigenze degli autotrasportatori, così come richiesto dalle associazioni di categoria».

Nei prossimi mesi la situazione verrà comunque costantemente monitorata con ulteriori rilievi di traffico ed allargando l’analisi a tutto il comparto viabilistico dell’area, al fine di arrivare ad una soluzione condivisa e definitiva in tempi rapidi.

 

Tag:

Leggi anche:

  • Il vicepresidente Magrini su Alptransit “Soddisfatti delle risposte che abbiamo ottenuto da Fontana e Gori”

    “Siamo soddisfatti che i principali candidati alla presidenza della Regione abbiamo risposto alla lettera sulla questione Alptransit che Provincia di Varese, insieme ai sindaci dei Comuni interessati ha scritto nei giorni scorsi – ha dichiarato il Vicepresidente della Provincia Marco
  • Rotonda di Cuveglio, l’intervento del vicepresidente Magrini

    “Sulla rotonda di Cuveglio – interviene il Vicepresidente della Provincia di Varese Marco Magrini – che è stata oggetto di un Ordine del giorno approvato ieri in Consiglio regionale, Raffaele Cattaneo racconta solo mezza verità. Come sappiamo, infatti, il documento da lui presentato è
  • La provincia punta tutto sulle piste ciclabili

    «Se oggi possiamo parlare in maniera concreta dello sviluppo della rete ciclopedonale che corre nei territori delle Comunità Montane del Piambello e delle Valli del Verbano, credo – ha dichiarato il Vicepresidente Marco Magrini – che un po’ di merito vada dato anche alla Provincia di
  • Provincia di Varese: al via il progetto per la ciclabile da Sesto a Zenna

    «Provincia di Varese è attenta a tutte le opportunità di finanziamento che esistono a livello regionale, nazionale ed europeo – continua Magrini – e in questo momento stiamo lavorando, anche sulla base di una serie di interlocuzioni già avvenute con Regione Lombardia, Canton Ticino e i