Varese terza provincia lombarda per manifattura

Zona di Busto Arsizio particolarmente prolifica

19 febbraio 2016
Guarda anche: EconomiaLavoroVarese
industria

Varese è una provincia densa di manifattura. Pur in calo in termini assoluti il numero di imprese rapportate al territorio fanno del Varesotto una delle aree più manifatturiere d’Italia.
A dirlo sono i numeri elaborati dall’Ufficio Studi dell’Unione degli Industriali della Provincia di Varese sui dati 2015 di Movimprese. Da cui emerge un primo bilancio secco: l’anno scorso si è chiuso con 9.143 imprese manifatturiere attive, l’1,8% in meno rispetto al 2014. Ciononostante Varese tiene sotto il profilo della densità manifatturiera: sono 7,6 le imprese industriali per chilometro quadrato, contro una media lombarda di 4,1 e una italiana di 1,7.
A livello regionale sono pochi i territori che fanno meglio e che possono dunque dirsi più industriali del Varesotto. La provincia all’ombra delle Prealpi, infatti, nella classifica lombarda della densità di imprese manifatturiere si piazza al terzo posto, subito dopo Monza e Brianza (22,7 imprese per chilometro quadrato) e Milano (18,8). E davanti a realtà come Como (5), Lecco (4,8), Bergamo (4,1) e Brescia (3).
NON SOLO INDUSTRIA
Una vocazione, quella imprenditoriale, che Varese conferma anche andando oltre il solo spaccato manifatturiero. allargando lo sguardo a tutti i settori economici, il numero di imprese attive in provincia arriva a 61.909, soglia che è, in pratica, una conferma del dato 2014: -0,1%. Anche a livello di densità imprenditoriale generale, Varese, con 51,6 imprese per chilometro quadrato, supera la media lombarda di 34,1 e quella italiana di 17,1.
LA DISTRIBUZIONE MANIFATTURIERA SUL TERRITORIO
Ma dove si concentra in provincia di Varese la presenza manifatturiera? A dare questo spaccato è il calcolo fatto dall’Ufficio Studi dell’Unione Industriali sulla densità di imprese per chilometro quadrato per ogni circoscrizione del lavoro. A registrare il dato più alto è quella di Busto Arsizio con 24,1 imprese manifatturiere per chilometro quadrato, un risultato dunque più alto anche della prima in classifica a livello Lombardia, meglio dunque sia di Monza, sia di Milano. Salgono poi sul podio Saronno 15,2 e Gallarate 13,4. Quarto posto per Tradate: 9,8. Seguono a distanza il centro e il Nord della provincia con Varese 6,2 e Laveno 4,1, su livelli al di sopra o in linea con la media regionale. Chiudono la graduatoria Sesto Calende 3,8 e Luino 1,1.
FOCUS PER SETTORI
A livello settoriale Varese conferma la sua forte vocazione meccanica. Sommando i comparti dei mezzi di trasporto (159 realtà produttive), delle macchine e degli apparecchi meccanici (807) e la voce “Altri metalmeccanico” (2.740), il settore arriva a contare 3.706 aziende. Rimane, inoltre, spiccata la presenza del tessile e abbigliamento con 1.954 imprese. Seguono Materie Plastica e Gomma (541), la produzione alimentare e delle bevande (416), quella della carta e della stampa (403), del legno (366). Tra i comparti più numerosi anche la chimica-farmaceutica con 187 imprese attive. Un comparto quello industriale legato ai prodotti chimici e ai farmaci, tra l’altro, che è uno dei pochi a crescere in provincia di Varese in termini di numero di imprese, aumentate del 2,7% nel 2015. Altro segno più è quello delle aziende alimentari e delle bevande: +0,7%. Invariata la voce “Mezzi di trasporto”, all’interno della quale c’è anche tutto il sistema dell’aerospazio. Per il resto si tratta di un elenco di segni meno. Quello più pesante è legato alla carta e alla stampa: -3,8%. Il legno ha, invece, perso per strada il 3,2% delle proprie aziende, il tessile e abbigliamento il 2,8%. Tiene, invece, la plastica-gomma: -0,8%.

Tag:

Leggi anche:

  • Sport varesino: i risultati di calcio, volley, basket

    Altro giro, altra corsa: anche questo weekend molte delle squadre varesine sono scese in campo nei propri campionati, vediamo come è andata. CALCIO – Nonostante le note vicende societarie, in campo il Varese non ha intenzione di fare sconti e oggi, nelle delicata trasferta a Pinerolo, è
  • Euro Cup: fatali i rigori per la BPM Sport Management

    Trasferta amara in Romania per la BPM Sport Management. Il sette di coach Baldineti perde 9-6 (0-1, 2-0, 0-2, 3-0 – Rigori 4-3) contro i padroni di casa del CSM Digi Oradea ed esce dall’Euro Cup. La lotteria dei rigori, dunque, è stata decisiva per determinare la seconda finalista, che
  • Volley – La UYBA non concede il bis e cade a Cremona

    Dopo la vittoria di sabato sera contro la Foppapedretti Bergamo, liquidata in soli tre set al termine di una prestazione ottima da parte di tutte le farfalle, la UYBA non fa il bis al PalaRadi di Cremona dove, nel turno infrasettimanale, esce sconfitta per 3-1 (25-23, 25-16, 16-25,
  • Volley – La UYBA va a Cremona per continuare a vincere

    Il calendario è molto fitto in questa parte di stagione, come lo conferma il turno infrasettimanale proposto per stasera alle 20.30. Due i big match della 17^ giornata: Novara-Conegliano e Casalmaggiore-UYBA. La UYBA è partita per Cremona con un carico di entusiasmo, energia e