Varese Possibile in piazza per i diritti dei malati incurabili

La formazione politica chiede la calendarizzazione della legge sul fine vita

23 ottobre 2015
Guarda anche: PoliticaVarese Città
possibile

«Saremo in piazza per una questione di libertà e per Max Fanelli», spiegano gli attivisti varesini di Possibile, la formazione politica lanciata lo scorso luglio da Giuseppe Civati.

Saranno in piazza a Varese domenica mattina 25 ottobre, in centro, informando i cittadini di quella che ritengono una «vicenda che limita i diritti non solo dei morenti e dei malati incurabili, ma di tutti i cittadini». Da 25 mesi, infatti, giace in Parlamento la Legge di iniziativa popolare sul “Fine vita” perché i capigruppo non hanno trovato un accordo per calendarizzarla.

«Cercheremo di essere la voce di Max Fanelli, malato di SLA, che ha annunciato nei giorni scorsi la propria decisione di sospendere le cure chiedendo che la proposta di iniziativa popolare sia calendarizzata».

«Non riesco – ha scritto Fanelli in un carteggio con Laura Boldrini – ad avere fiducia nella grande maggioranza dei capigruppo quando, da 25 mesi, hanno dimostrato completa indifferenza a tematiche che riguardano il fine vita, un argomento che dovrebbe essere trattato con un rispetto laico e con sensibilità verso coloro che soffrono una condizione disumana».

«Saremo in piazza – concludono gli attivisti di Possibile – per chiedere di avere in breve tempo una legge degna di un Paese laico e civile».

Tag:

Leggi anche:

  • Cardano al Campo: Possibile inaugura la nuova sede

    Da questo mese infatti, Possibile, grazie anche alla disponibilità dei padroni di casa, trova una collocazione fisica: presso la Casa del Popolo di Cardano al Campo, in via Vittorio Veneto 1, al primo piano. “L’obiettivo” spiegano i vertici locali “non è solo quello di
  • Varese: è Possibile “legalizzare con successo?”

    Nella sua ultima Relazione Annuale la Direzione Nazionale Antimafia ha denunciato apertamente a proposito dell’azione di contrasto alla diffusione dei derivati della cannabis “il totale fallimento dell’azione repressiva”. In questo quadro la stessa DNA propone politiche di depenalizzazione
  • Possibile si presenta a Varese: “Galimberti punta al partito della nazione”

    Per ciò che riguarda il livello locale Possibile Varese ha presentato un documento in vista delle prossime amministrative con alcune proposte come ad esempio il consumo di suolo zero; gli investimenti sul digital divide, indispensabili volano di sviluppo; il registro cittadino per la dichiarazione
  • Possibile si scaglia contro il Pirellone illuminato

    Il Presidente ha inoltre utilizzato la facciata del Palazzo della Regione per promuovere l’evento, componendo mediante l’illuminazione delle finestre con la grande scritta “Family Day”, visibile da gran parte della città. I Comitati lombardi di POSSIBILE dichiarano il proprio disappunto