Possibile si presenta a Varese: “Galimberti punta al partito della nazione”

Perplessità anche sullo schieramento più a sinistra per il movimento di Pippo Civato

28 febbraio 2016
Guarda anche: PoliticaVarese Città
possibile

Possibile, il movimento fondato da Pippo Civati, si è presentato questa mattina a Varese con una conferenza stampa. Jacopo Zocchi, portavoce di Possibile Varese – Comitato Alex Langer, inizia illustrando la nuova piattaforma online di partecipazione che ha l’obiettivo di praticare un nuovo modo di fare politica, riportando il potere di decidere nelle mani dei cittadini e convogliando le energie migliori della società per metterle al servizio di tutti: “Abbiamo scelto di ripartire da zero, dalla partecipazione democratica delle persone alla politica, troppo spesso lasciata in mano a interessi e trame lontanissime dai cittadini. Nel nostro simbolo c’è un uguale a rappresentare l’uguaglianza in ogni campo. Ci battiamo per il reddito minimo garantito e la progressività fiscale, per la libertà e i diritti di tutti: siamo per il matrimonio egualitario, una legge sul fine-vita e la legalizzazione della cannabis. Proprio sul tema dell’uguaglianza e dei diritti civili la giunta di Varese ha scelto di distinguersi, naturalmente in negativo, negando il patrocinio al Pride. E ancora” prosegue Zocchi “ci batteremo per il Sì al referendum del 17 aprile per dire basta alle trivelle in mare, che sarebbero sbagliate sia dal punto di vista ambientale che economico: serve investire nella riconversione energetica dell’economia, non finanziare inceneritori e combustibili fossili”.

Per ciò che riguarda il livello locale Possibile Varese ha presentato un documento in vista delle prossime amministrative con alcune proposte come ad esempio il consumo di suolo zero; gli investimenti sul digital divide, indispensabili volano di sviluppo; il registro cittadino per la dichiarazione anticipata di trattamento, per scegliere una morte degna. “La nostra linea è chiara: siamo alternativi al partito della nazione, al modello Sala che Galimberti sembra voler imitare. Certo, se a sinistra di questo super-centro che guarda a destra ci sarà solo la raccolta di figurine degli errori del passato, faremmo fatica a collaborare. Le proposte ci sono, sfideremo chi si candida ad amministrare la città su queste”.

Infine i giovani attivisti di Possibile hanno presentato la loro prossima iniziativa pubblica che sarà il 7 marzo alle ore 21 nella sede Arci di via Monte Golico, con l’incontro ‘Legalizzare con successo – La cannabis dal Colorado all’Italia’. La serata prevede la partecipazione di Gabriele Guidi che illustrerà la proposta di legge sulla legalizzazione, Luca Marola autore del libro ‘Legalizzare con successo’ e Marco Moscatelli gestore di un grow-shop e inventore del marchio Val di Matt.

Tag:

Leggi anche:

  • Cardano al Campo: Possibile inaugura la nuova sede

    Da questo mese infatti, Possibile, grazie anche alla disponibilità dei padroni di casa, trova una collocazione fisica: presso la Casa del Popolo di Cardano al Campo, in via Vittorio Veneto 1, al primo piano. “L’obiettivo” spiegano i vertici locali “non è solo quello di
  • Varese: è Possibile “legalizzare con successo?”

    Nella sua ultima Relazione Annuale la Direzione Nazionale Antimafia ha denunciato apertamente a proposito dell’azione di contrasto alla diffusione dei derivati della cannabis “il totale fallimento dell’azione repressiva”. In questo quadro la stessa DNA propone politiche di depenalizzazione
  • Possibile si scaglia contro il Pirellone illuminato

    Il Presidente ha inoltre utilizzato la facciata del Palazzo della Regione per promuovere l’evento, componendo mediante l’illuminazione delle finestre con la grande scritta “Family Day”, visibile da gran parte della città. I Comitati lombardi di POSSIBILE dichiarano il proprio disappunto
  • Germignaga: anche Possibile aderisce alla Marcia per il Clima

    La riconversione ecologica dell’economia e della società è uno dei 10 temi fondamentali della carta di intenti di Possibile, in cui si evidenzia la stringente necessità di una particolare attenzione alla politica energetica per superare la dipendenza da combustibili fossili, oltre che ad una