Varese e Provincia, un fine settimana al Museo

Tra venerdì 1 e domenica 3 maggio tante mostre che aprono, continuano o chiudono in città e in numerose località della provincia

30 aprile 2015
Guarda anche: Busto ArsizioCultura Musica SpettacoloGallarateItaliaLuineseMalpensaTradateVarese Città
Museopd

Per chi vuole trascorrere il fine settimana all’insegna di arte e cultura, tante proposte per tutti tra pittura, scultura, scienza e storia. Ultimi giorni per visitare Think Thin, Cibo e Luce, Stampe risorgimentali e 100 anni dalla Grande Guerra.

APRONO:

Allo Studio d’Arte Liberty di Angera fino al 17 maggio Amore a prima vista la mostra personale di Martina Brognara.

 

CONTINUANO:

Al Castello di Masnago  fino al 10 maggio Ad Arte per l’Arte la mostra dedicata a Roberto Giudici.

A Ispra al Centro Comune di Ricerca fino al 10 maggio Arte e Scienza nel Terzo Millennio

Allo Spazio Lavit fino al 30 maggio la mostra Caravaggio in cucina.

Al Civico Museo Parisi Valle di Maccagno con Pino e Veddasca fino al 7 giugno Diario di luce e colori.

A Villa Cagnola di Gazzada Schianno fino al 6 settembre l’esposizione della Sacra Famiglia di Giampietrino dopo il restauro.

Allo Spazio Arte Unipolsai fino al 30 settembre Energia per la vita in mostra le opere di Enea Bulzoni.

 

CHIUDONO:

A Villa Borromeo di Viggiù fino al 1 maggio Cibo e Luce una collettiva di opere realizzate dagli studenti del Liceo Artistico Frattini di Varese.

Alla Galleria Punto Sull’Arte fino al 2 maggio Think Thin di Alex Pinna.

Alla Galleria Ghiggini fino al 2 maggio Stampe risorgimentali e 100 anni dalla Grande Guerra.

Tag:

Leggi anche:

  • Angera, Amore a prima vista

    “La mia vita si realizza e si racconta in una tela . E’ come precursore dell’arte astratta materialistica  che voglio propormi ; forse  proprio perche’ e’ mia prerogativa dedicarmi alla ricerca di un linguaggio di nuovi contenuti  semantici e concettuali che contempla anche l’uso
  • Varese, Think Thin di Alex Pinna

    Le sue tipiche figure aeree, leggerissime, in bronzo, corda e anche vetro, prenderanno possesso dell’intero spazio della galleria. Caratterizzati dal fisico esile e dalle gambe lunghissime, i personaggi protagonisti dei lavori di Pinna sono senz’altro figli della poetica di Giacometti,