Varese, Camponovo: al via la mostra “Storie di uomini e biciclette”

Nella location del Sacro Monte l'imperdibile esposizione sulle due ruote

12 marzo 2016
Guarda anche: Varese Città
camponovo mostra

 

Foto d’epoca, trofei, biciclette dei campioni e della gente comune, persino il progetto originale del velodromo Luigi Ganna: questo e molto altro è in esposizione al Camponovo, la location museale recentemente allestita al Sacro Monte in via dell’Assunzione, tra la Via Sacra e il Santuario.

“Storie di uomini e di biciclette”, curata da Carla Tocchetti e Lorenzo Franzetti e resa possibile dalla collaborazione con Comune di Varese, Parco Campo dei Fiori, Fondazione Comunitaria del Varesotto, comitato provinciale di Federciclismo e Società Ciclistica Alfredo Binda, permette di ripercorrere l’epopea del ciclismo, professionistico e amatoriale, nel nostro territorio: si parte da lontano, dai primi anni del XX secolo e da Luigi Ganna, per giungere alla (quasi) contemporaneità con il prototipo (realizzato in provincia) con cui Francesco Moser conquistò il record dell’ora e con i ricordi di Silvano Contini, presente nella foto. Uno spazio particolare è dedicato all’originalissimo mezzo di Alberto Bortoluzzi, che con una bici ibrida munita di canotti ha recentemente ha recentemente percorso l’itinerario Varese-Provenza tra strada e corsi d’acqua, solcando in primis il Lago Maggiore.
La mostra è a disposizione degli appassionati sino al prossimo 3 aprile nelle giornate dal giovedì alla domenica, ore 10-18, con l’esclusione di Pasqua. L’ingresso è gratuito.

Tag:

Leggi anche:

  • “Uno sguardo al Monte” per chiudere l’estate al Camponovo

    Già dalla locandina si intuisce il taglio “emozionale” voluto dagli organizzatori: uno scatto di Carlo Meazza che ritrae Salvatore Furia sul bordo di una cupola dell’Osservatorio Astronomico, rende omaggio al visionario mecenate nell’anniversario della sua scomparsa il 12 agosto di sei
  • Varese: le Stanze d’artista al Camponovo

    Un nuovo modo di promuovere, in un contesto che ha la vocazione di vetrina del territorio, la creatività e la capacità di fare rete degli artisti varesini. Nelle stanze medioevali del Camponovo, abitate ciascuna da un artista diverso, il pubblico potrà toccare con mano cosa vuol dire pittura,
  • Cent’anni di storia varesina al Camponovo

    La mostra sfrutta la particolarità degli ambienti medioevali del Camponovo, che si snodano attorno all’ antica Via del Pellegrino, individuando alcune zone destinate alla proiezione continuativa di audiovisivi, selezionati per tematica e modalità di realizzazione. Tra rarità storiche e filmati
  • Storie di biciclette al Camponovo

    L’esposizione si terrà nello spazio espositivo storico del Camponovo, ricco di testimonianze medioevali come l’Antica Via del Pellegrino che conduceva alla Cripta della Madonna del Monte, dal 12 marzo al 3 aprile, dal giovedì alla domenica dalle ore 10 alle 18. Alla realizzazione del progetto