Sicurezza, Lombardia: fondo di 30.000 Euro per le spese legali della Polizia Locale

L'annuncio dato oggi dall'assessore Bordonali

11 febbraio 2016
Guarda anche: LombardiaPolitica
polizia locale

Un fondo da 30.000 euro per tre anni “per coprire le spese legali degli agenti della Polizia locale” è stato attivato dalla Giunta regionale lombarda. Lo rende noto l’assessore alla Sicurezza, Simona Bordonali (Lega). In una nota, Bordonali sostiene che “allo stato attuale c’e’ una disparita’ di tutele, che vogliamo colmare, tra agenti di Polizia locale e agenti delle Forze dell’ordine”. Gli agenti di Polizia locale, aggiunge, “devono avere accesso al sistema di indagine (Sdi) e ai dati dei database del Viminale”. “Oggi – conclude l’assessore lombardo -, se fermano una persona per un controllo stradale, non possono sapere se si tratta di un delinquente, di un terrorista o di un ricercato. Questo fondo va proprio nella direzione di tutelare maggiormente i 9.000 agenti lombardi. Il fondo prevede un importo massimo erogabile per ogni singolo procedimento di 5.000 euro e garantisce il finanziamento degli oneri di difesa degli enti locali nei procedimenti penali a carico degli operatori di Polizia locale per atti o fatti direttamente connessi all’espletamento del servizio e all’ adempimento dei doveri d’ufficio

Tag:

Leggi anche:

  • Profughi: “In Lombardia c’è una vera invasione silenziosa”

    “I numeri sono agghiaccianti e dicono che nella nostra regione sono presenti ben 13.062 richiedenti asilo. Secondo i dati forniti dal Viminale, nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di clandestini e solamente 5 su 100 sono rifugiati politici. Nonostante ciò, i costi
  • Varese festeggia la Giornata regionale della Polizia Locale

    LA PRIMA GIORNATA REGIONALE DELLA POLIZIA LOCALE – “Sono felice di incontrarvi in occasione della prima ‘Giornata della Polizia locale regionale’ – ha esordito Bordonali -, una giornata che diventerà itinerante e ci porterà in tutte le province, perché riteniamo
  • Emergenza immigrazione, Varese in prima linea

    L’indicazione infatti è arrivata dal ministero dell’Interno alle prefetture che hanno stabilito dove smistare i nuovi arrivati sul territorio lombardo. Secondo quanto reso noto, i primi 480 profughi confermati sono stati ripartiti tra alcune province: 50 a Brescia, 60 a Bergamo, 50 a Como, 50