Saronno: Fratelli d’Italia affronta il tema gender

Il prossimo 5 novembre Fedi, Besana, Bertoni e Indelicato all'auditorium Aldo Moro

23 ottobre 2015
Guarda anche: PoliticaSaronno
Fdi

Il prossimo 5 novembre Saronno ospiterà un evento sul tema gender. Il convegno, programmato per le 21
all’auditorium Aldo Moro, vedrà  gli interventi del giornalista, saggista e scrittore Renato Besana, del responsabile della provincia varesina di
Fratelli d’Italia – Alleanza nazionale Avv. Fabio Fedi, del responsabile del Dipartimento famiglia Bran.co Onlus Ing. Patrizio
Bertoni.  Alfonso Indelicato, in qualità  di responsabile del Dipartimento Scuola ed Educazione Lombardia di FdI – AN, interverrà sul tema della
diffusione dell’ideologia gender nelle scuole.

Tag:

Leggi anche:

  • Il 2 giugno. Oltre la festa e il clamore.

    “L’Italia è nata il 2 giugno del ’46? Certamente no. Forse il 17 marzo del ’61, quando viene proclamato il regno partorito dalla cooperazione fra Cavour, Garibaldi, Napoleone III, il ministro Gladstone e il Caso periglioso e benevolo? Neppure. A quale anno, a quale serie di
  • Indelicato (Saronno) “Una dittatura con altri mezzi”

    “Si ripongano nel fondo dei cassetti le camicie d’orbace. Gli stivaloni lucidi coi quali marciare sulla litoranea di Alessandria d’Egitto, via nell’ombra di un ingombro ripostiglio. Non marce al passo romano (semmai a quello dell’oca) non adunate oceaniche, filmati
  • Lega e M5S “A proposito di forme politiche”

    Al fine di contribuire, in tutta modestia, al dibattito politico in atto, vorrei proporre alcune formule alternative a quella dell’”astensione benevola” che oggi sta consentendo il dialogo (quanto meno ) fra 5 stelle e Lega. “Dubbio metodico”.  Di origine cartesiana, quindi tale da
  • Un altro 25 aprile, un’altra occasione persa

      “Un altro 25 aprile batte alle porte, in Italia e a Saronno, con il suo anticipo e il suo prevedibile seguito di polemiche. Non hai fatto abbastanza, non mi hai dato il patrocinio, non sei antifascista, tuonano l’ANPI e i suoi succedanei.  L’Amministrazione dal canto suo tace o