Indelicato: “Saronno come la Firenze dell’anno 1000”

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del Consigliere Comunale di Saronno

05 Novembre 2018
Guarda anche: Politica

Nella Firenze dell’anno mille, quella lodata da Dante nel canto XV del Paradiso, le famiglie che potevano permetterselo vivevano in case simili a piccoli castelli, ciascuna con la sua torre.

Quest’ultima serviva per avvistare il nemico in arrivo. Nemico che era costituito dai membri di famiglie ostili per ragioni di censo, per antiche ruggini, per appartenenza a schieramenti politici contrapposti. All’interno di queste case-fortezza si viveva protetti, fuori si rischiava l’incolumità o la vita.

Tutto ciò ha una certa affinità con quanto avviene oggi a Saronno. Non si registrano contese fra guelfi e ghibellini, ma fra cittadini che vorrebbero attendere in pace e sicurezza alle loro vicende familiari e di lavoro, e sbandati di vario genere, bivaccanti, vandali, ladri, tossici e loro fornitori, questi ultimi nella quasi totalità stranieri.

L’Amministrazione assicura che la situazione della sicurezza è migliorata, ma la sensazione è che, se la zona stazione è meno infestata, ciò avviene solo perché  lo spaccio è più capillarmente distribuito, essendosi disteso come liquame velenoso in tante altre zone. Così la reazione degli odierni saronnesi è in fondo simile a quella dei Fiorentini del tempo di Cacciaguida. Solo che, non potendo innalzare torri di avvistamento (il pgt non ce lo consente, a meno di deroghe da approvare in Consiglio) innalzano cancellate. Mi riferisco ovviamente a quella presso la piazzetta Schuster e a quella dell’ex Molino Canti, aperte durante il giorno ma sbarrate la notte per impedire presenze indesiderate.

Insomma dove il pubblico non arriva, il privato si ingegna e fa da sé, recintando spazi di sicurezza. Forse, nell’incapacità di reprimere la delinquenza, dovremo davvero rassegnarci a tenerla lontana dalle nostre case, come colui che invece di eliminare la polvere si limita a sospingerla sotto il tappeto con lo scopino.

A proposito, anche la Firenze di Cacciaguida non era quel luogo idilliaco di cui favoleggia Dante, immenso poeta ma noto laudator temporis acti.

 

Alfonso Indelicato
Consigliere comunale eletto a Saronno

Tag:

Leggi anche:

  • Il Rotary Club omaggia Antonio Parma con una targa

    Lunedì 24 giugno si è svolta l’inaugurazione ufficiale della targa che il Rotary Club ha voluto dedicare alla memoria dell’industriale saronnese Antonio Parma (1854-1922). L’appuntamento ha fatto parte di un progetto più ampio del Rotary Club Saronno di apposizione di targhe
  • Piazza Dei Mercanti Riqualificata, Positivo Il ‘Primo Mercato’. Oggi Si Apre Alle Auto

    Dopo la positiva giornata di ieri, mercoledì 12 giugno, in cui la nuova Piazza dei Mercanti, completamente riqualificata per volontà del Sindaco Alessandro Fagioli, ha ‘ospitato’ una quarantina di ambulanti, oggi è toccato alle auto, infatti da questa mattina è possibile utilizzare
  • Al decennale di Silighini l’annuncio ufficiale: mi ricandido come Sindaco

    Molti volti saronnesi come Alberto Paleardi e l’avvocato Andrea Polimeno ieri sera hanno partecipato fino a tarda notte ai festeggiamenti per il decimo anniversario di nozze dell’ex candidato Sindaco,il regista Luciano Silighini Garagnani. A Cermenate presso Villa La Gala si è
  • Saronno, Recuperata Area Verde All’asilo Di Via Monte Santo

    Con l’intervento di alcuni cittadini, che si sono resi disponibili a fronte di aiuti per emergenze economiche, e con il supporto degli uffici comunali, è stata recuperata un’area nel giardino dell’asilo di via Monte Santo. E’ stata demolita una struttura fatiscente e sono