Riaprire i Navigli a Milano: un progetto tra i 180 e i 220 milioni di euro

La Regione si impegna a portare avanti un progetto per ripristinare i corsi d'acqua nel capoluogo lombardo, insieme all'associazione ''Riaprire i Navigli''. L'idea è di riaprirli dal Naviglio Martesana alla Darsena

24 giugno 2015
Guarda anche: Milano
Navigli

Un preventivo che oscilla tra i 180 e i 220 milioni di euro. E’ la cifra necessaria, sulla carta, per riaprire i Navigli ricostruendo gli 8
chilometri di collegamento tra il Naviglio Martesana e la Darsena. 

Il progetto, già sottoposto a referendum cittadino, è stato rilanciato oggi dall’associazione Riaprire i Navigli, in un convegno svoltosi a Palazzo Pirelli alla presenza del presidente del consiglio regionale Raffaele Cattaneo e dell’assessore all’Economia, Massimo Garavaglia. L’iniziativa è stata promossa dal consigliere Umberto Ambrosoli in collaborazione con l’Associazione Riaprire i Navigli, presieduta da Roberto Biscardini.

“Riaprire i Navigli non è solo un’idea interessante e di grande fascino ma è un progetto che non possiamo ignorare – ha detto il presidente Cattaneo – se vogliamo rendere il piano realizzabile, la strada da percorrere è quella di un Accordo di programma, perché senza una forte cabina di regia non si possono superare i problemi, reperire le risorse e accrescere il consenso. Credo che la sede più
adatta, e l’unica in grado di mettere attorno allo stesso tavolo soggetti diversi, sia Regione Lombardia. I Navigli sono come il passante ferroviario, una infrastruttura cittadina che andrà a beneficio di tutto il territorio lombardo”.

“Vogliamo affrontare la complessità del progetto senza polemiche – ha spiegato Umberto Ambrosoli (Patto Civico) – oggi siamo qui per guardare il tema con gli occhi della Regione, senza dimenticare il referendum con cui si sono espressi i cittadini di Milano. Vogliamo capire se la Regione possa avere un ruolo di coordinamento e se il progetto sia finanziariamente sostenibile”.

“Possiamo partire da quanto Regione ha già fatto e sta facendo, ovvero il completamento dell’idrovia Locarno-Milano-Venezia – ha detto l’assessore Garavaglia – in questo contesto la riapertura dei Navigli non è solo un’idea bella e romantica, ma un sicuro driver economico e turistico. Serve, però, un approccio molto concreto: finché non si scava non si possono sapere i costi certi e servono poi soluzioni di buon senso, che tengano conto della storicità delle vie d’acqua ma anche delle possibilità di intervento offerte dall’ingegneria moderna”.

Con la riapertura dei Navigli da Cassina de’ Pomm alla Darsena, l’attuale cerchia dei Navigli diventerebbe a traffico limitato con accesso per i soli residenti e i mezzi pubblici. Il traffico attuale verrebbe trasferito sulla cerchia dei Bastioni e in parte assorbito dalla nuova linea 4 della metropolitana.

Tag:

Leggi anche:

  • Draghi Valle Olona: a settembre una nuova avventura per il Minibasket

    Partirà a Settembre una nuova avventura per il Minibasket grazie alla collaborazione tra Polisportiva Sportpiu, Scuola Basket Castellanza e A.S.D. Draghi Gorlazy di Gorla Maggiore: la Scuola Minibasket Draghi Valle Olona, il primo centro sovraterritoriale della zona! Il Progetto concretizza
  • Riqualificazione del campo da rugby di Giubiano, accordo firmato

    Questa mattina a Roma è stata firmata la convenzione tra il Coni e i 32 Enti locali che hanno presentato, e sono stati selezionati, nell’ambito del bando “Fondo Sport e Periferie”, dedicato alla riqualificazione degli impianti sportivi italiani. Tra i comuni presenti a Roma c’era anche
  • Un percorso mondiale per la 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine

    La 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine, in programma a Varese sabato 30 settembre (crono) e domenica 1° ottobre (gran e medio fondo) sarà una gara da non perdere. Entrata da quest’anno nel circuito UCI GRAN FONDO WORLD SERIES la Gran Fondo Tre Valli Varesine 2017 sarà una prova
  • Sanità: illustrato il modello di inclusione dell’Associazione Special Olympics

    Promuovere sempre di più lo sport come mezzo di inclusione sociale per i disabili intellettivi anche gravi e valutare anche la possibilità di individuare un riferimento regionale per la formazione di allenatori e istruttori dello sport unificato (l’attività motoria e sportiva fatta