Religione, violenza e droga: ecco la ricostruzione dell’indagine Macchi

Dettagli sconcertanti sulle modalità d'esecuzione del presunto killer Stefano Binda

16 gennaio 2016
Guarda anche: Varese
lidiamacchi

La ricostruzione della Procura di Milano, titolare del caso Macchi da due anni dopo il lunghissimo e infruttuoso periodo d’indagini varesino, fa risaltare dettagli letteralmente agghiaccianti sull’omicidio della giovane studentessa di Comunione e Liberazione, avvenuto a Cittiglio nel gennaio 1987.

Nel motivare l’arresto del presunto assassino Stefano Binda, i magistrati fanno capire come il sospettato sia salito sulla macchina della ragazza il 5 gennaio nei pressi dell’ospedale di Cittiglio, raggiungendo poi una zona poco distante in cui la Macchi è stata violentata e uccisa: l’assassinio deriverebbe da una sorta di perversa “punizione” inflitta dal killer per essersi concessa. Tra gli indizi a carico del sospetto, il ritrovamento di alcuni libri sulla tossicodipendenza nella borsa di Lidia che probabilmente voleva aiutare l’amico, anch’egli del giro di CL, per uscire dai ben noti problemi di eroina; l’omicidio deriva inoltre non solo dall’idea di punire la ragazza per aver subito la violenza sessuale, ma anche dalla paura che la stessa raccontasse tutto ai compagni e alle guide spirituali del movimento. Ma come si è arrivati a questo punto solamente 29 anni dopo?

Nel 2014 la Procura di Milano ha reso pubblico, tramite testate giornalistiche locali e programmi tv nazionali, il delirante biglietto che, in un azzardato stile poetico, ricostruisce quella notte di gennaio: la lettera anonima fu recapitata alla famiglia Macchi pochi giorni dopo il fatto. Una donna, che conosceva entrambi i protagonisti, ha riconosciuto nella calligrafia e nello stile quelli del Binda, segnalando il tutto alla Polizia: da lì sono partite perizie calligrafiche e indagini, che hanno portato tra l’altro a trovare nella casa del sospetto a Brebbia un ulteriore foglietto, scritto da lui stesso, che recita “Stefano è un barbaro assassino”. Da mesi, ormai, gli inquirenti avevano nel mirino Stefano Binda, anche se l’arresto di ieri mattina ha ovviamente stupito tutti.

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare