Religione, violenza e droga: ecco la ricostruzione dell’indagine Macchi

Dettagli sconcertanti sulle modalità d'esecuzione del presunto killer Stefano Binda

16 gennaio 2016
Guarda anche: Varese
lidiamacchi

La ricostruzione della Procura di Milano, titolare del caso Macchi da due anni dopo il lunghissimo e infruttuoso periodo d’indagini varesino, fa risaltare dettagli letteralmente agghiaccianti sull’omicidio della giovane studentessa di Comunione e Liberazione, avvenuto a Cittiglio nel gennaio 1987.

Nel motivare l’arresto del presunto assassino Stefano Binda, i magistrati fanno capire come il sospettato sia salito sulla macchina della ragazza il 5 gennaio nei pressi dell’ospedale di Cittiglio, raggiungendo poi una zona poco distante in cui la Macchi è stata violentata e uccisa: l’assassinio deriverebbe da una sorta di perversa “punizione” inflitta dal killer per essersi concessa. Tra gli indizi a carico del sospetto, il ritrovamento di alcuni libri sulla tossicodipendenza nella borsa di Lidia che probabilmente voleva aiutare l’amico, anch’egli del giro di CL, per uscire dai ben noti problemi di eroina; l’omicidio deriva inoltre non solo dall’idea di punire la ragazza per aver subito la violenza sessuale, ma anche dalla paura che la stessa raccontasse tutto ai compagni e alle guide spirituali del movimento. Ma come si è arrivati a questo punto solamente 29 anni dopo?

Nel 2014 la Procura di Milano ha reso pubblico, tramite testate giornalistiche locali e programmi tv nazionali, il delirante biglietto che, in un azzardato stile poetico, ricostruisce quella notte di gennaio: la lettera anonima fu recapitata alla famiglia Macchi pochi giorni dopo il fatto. Una donna, che conosceva entrambi i protagonisti, ha riconosciuto nella calligrafia e nello stile quelli del Binda, segnalando il tutto alla Polizia: da lì sono partite perizie calligrafiche e indagini, che hanno portato tra l’altro a trovare nella casa del sospetto a Brebbia un ulteriore foglietto, scritto da lui stesso, che recita “Stefano è un barbaro assassino”. Da mesi, ormai, gli inquirenti avevano nel mirino Stefano Binda, anche se l’arresto di ieri mattina ha ovviamente stupito tutti.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti