Omicidio Lidia Macchi, Binda: “Non l’ho uccisa io”

Il principale accusato del tremendo delitto della studentessa, avvenuto nel 1987, ha parlato davanti ai magistrati

18 maggio 2016
Guarda anche: MilanoVarese Città
lidiamacchi

“Non c’entro nulla con l’omicidio”. Stefano Binda, in carcere dal 15 gennaio sotto accusa per il delitto di Lidia Macchi, ha dichiarato la sua innocenza davanti ai magistrati. 

E’ la prima volta che Binda risponde. Durante i precedenti interrogatori si era sempre avvalso della facoltà di non rispondere.

Binda ha anche dichiarato di non aver inquinato le prove. A seguito di queste dichiarazioni, i suoi legali hanno presentato la richiesta di far cadere il pericolo di inquinamento probatorio.

In ogni caso, Binda rimarrà in carcere, per il rischio di fuga e di reiterazione del reato.

Tag:

Leggi anche:

  • Scontro fra treni sulla ferrovia Bolzano-Brennero: 2 morti

    La scorsa notte è avvenuto un incidente gravissimo sui binari della ferrovia Bolzano – Brennero.  Mentre gli operai di un’azienda romana erano al lavoro per manutenzione e per risolvere alcuni problemi tecnici, uno dei due convogli ha improvvisamente preso velocità andando a
  • Omicidio Lidia Macchi, colpo di scena al processo

    Durante l’udienza del 12 aprile 2017, infatti, si è appreso che il 4 aprile un avvocato di Brescia è stato incaricato di rappresentare la persona (la cui identità è ancora anonima al momento) che avrebbe scritto la famosa lettera “In morte di un’amica”. La lettera,
  • Caso Macchi: nelle prossime settimane la riesumazione della salma

    I magistrati, allora, procederanno con la riesumazione del corpo di Lidia: l’anatomopatologa Cristina Cattaneo, probabilmente la più quotata professionista del settore in Italia, cercherà tracce biologiche che possano svelare la presenza di un altro Dna oltre a quello della vittima.
  • Omicidio Macchi, le ricerche nel Parco Mantegazza estese anche nelle aree limitrofe

    Dovrebbero durare ancora pochi giorni le ricerche che stanno venendo effettuate, ormai da qualche settimana, all’interno del Parco Mantegazza, per trovare l’arma del delitto utilizzata per uccidere Lidia Macchi. Come è emerso nei giorni scorsi, i militari hanno rinvenuto sei lame e un