Caso Macchi: nelle prossime settimane la riesumazione della salma

L'anatomopatologa Cristina Cattaneo cercherà tracce biologiche compatibili con quelle di Stefano Binda

15 marzo 2016
Guarda anche: Varese Città
lidiamacchi

Dopo due mesi di reclusione, Stefano Binda continua a negare qualsiasi responsabilità sull’omicidio di Lidia Macchi, il più drammatico e clamoroso “giallo” del Varesotto tornato alla ribalta a metà gennaio con l’arresto dello stesso Binda nella sua casa di Brebbia, 29 anni dopo il delitto.

I magistrati, allora, procederanno con la riesumazione del corpo di Lidia: l’anatomopatologa Cristina Cattaneo, probabilmente la più quotata professionista del settore in Italia, cercherà tracce biologiche che possano svelare la presenza di un altro Dna oltre a quello della vittima. Chiaramente, se queste tracce fossero compatibili con Binda le prove a suo carico diventerebbero schiaccianti; qualora, invece, emergesse un altro Dna, l’accusato potrebbe venire presto scarcerato. Tra genetisti, biologi e medici legali saranno ben sette professionisti ad analizzare la salma che riposa da 29 anni nel cimitero di Casbeno.

Tag:

Leggi anche:

  • Lidia Macchi: condannato all’ergastolo Stefano Binda

    Il processo si era riaperto nel 2015 quando Patrizia Bianchi, amica di Stefano Binda, si recò dagli investigatori affermando di aver riconosciuto la calligrafia dell’imputato nella lettera “In Morte Di Un’Amica”, recapitata a casa della famiglia Macchi il 10 gennaio
  • Omicidio Lidia Macchi, colpo di scena al processo

    Durante l’udienza del 12 aprile 2017, infatti, si è appreso che il 4 aprile un avvocato di Brescia è stato incaricato di rappresentare la persona (la cui identità è ancora anonima al momento) che avrebbe scritto la famosa lettera “In morte di un’amica”. La lettera,
  • Omicidio Lidia Macchi, Binda: “Non l’ho uccisa io”

    E’ la prima volta che Binda risponde. Durante i precedenti interrogatori si era sempre avvalso della facoltà di non rispondere. Binda ha anche dichiarato di non aver inquinato le prove. A seguito di queste dichiarazioni, i suoi legali hanno presentato la richiesta di far cadere il pericolo
  • Caso Macchi: è morto il papà di Lidia

    Giorgio, ricoverato da tempo all’istituto Molina, è spirato all’ospedale di Circolo per una crisi respiratoria: lascia la moglie Paola Bettoni e i figli Alberto e Stefania.