Clamoroso: arrestato il presunto killer di Lidia Macchi

Blitz di prima mattina: in manette l'ex compagno di scuola Stefano Binda

15 gennaio 2016
Guarda anche: Varese Città
lidiamacchi

Ventinove anni dopo, l’assassino di Lidia Macchi potrebbe avere un nome: o almeno è ciò che pensano gli inquirenti di questo storico processo, che questa mattina all’alba hanno fatto arrestare Stefano Binda, già compagno di scuola della giovane.

A far scattare il blitz della Polizia la corrispondenza calligrafica e stilistica tra una lettera anonima fatta pervenire alla famiglia Macchi dopo il delitto e quelle ricevute, con mittente il sospettato, da un’altra donna. Ora, dunque, la triste vicenda della ventenne militante di Comunione e Liberazione potrebbe trovare finalmente una conclusione.

Tag:

Leggi anche:

  • Lidia Macchi: condannato all’ergastolo Stefano Binda

    Il processo si era riaperto nel 2015 quando Patrizia Bianchi, amica di Stefano Binda, si recò dagli investigatori affermando di aver riconosciuto la calligrafia dell’imputato nella lettera “In Morte Di Un’Amica”, recapitata a casa della famiglia Macchi il 10 gennaio
  • Omicidio Lidia Macchi, colpo di scena al processo

    Durante l’udienza del 12 aprile 2017, infatti, si è appreso che il 4 aprile un avvocato di Brescia è stato incaricato di rappresentare la persona (la cui identità è ancora anonima al momento) che avrebbe scritto la famosa lettera “In morte di un’amica”. La lettera,
  • Caso Macchi: è morto il papà di Lidia

    Giorgio, ricoverato da tempo all’istituto Molina, è spirato all’ospedale di Circolo per una crisi respiratoria: lascia la moglie Paola Bettoni e i figli Alberto e Stefania.
  • Lidia Macchi: un capello è la chiave di volta?

    La bara non si è presentata in condizioni perfette e l’acqua l’ha pesantemente deteriorata negli anni: tuttavia una traccia c’è. E gli inquirenti non hanno fretta: le analisi saranno lunghe (forse anche 4-5 mesi) e minuziose, vista l’altissima difficoltà del caso. Intanto