Lidia Macchi: un capello è la chiave di volta?

Nonostante le infiltrazioni d'acqua gli inquirenti hanno trovato un indizio

07 aprile 2016
Guarda anche: Varese
lidiamacchi

Un capello. Da qui parte la caccia al Dna dell’assassino di Lidia Macchi: è esattamente questa la traccia più importante trovata dagli anatomopatologi che stanno analizzando il corpo della studentessa varesina, riesumato dopo 29 anni di riposo nel cimitero di Casbeno.

La bara non si è presentata in condizioni perfette e l’acqua l’ha pesantemente deteriorata negli anni: tuttavia una traccia c’è. E gli inquirenti non hanno fretta: le analisi saranno lunghe (forse anche 4-5 mesi) e minuziose, vista l’altissima difficoltà del caso. Intanto Stefano Binda tace. E i tanti amici di allora, di Lidia come di Stefano, tacciono a loro volta. Nessuno si ricorda, o nessuno vuole ricordare, qualunque dettaglio utile a ricostruire uno dei più drammatici “gialli” italiani.

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare