Lidia Macchi: un capello è la chiave di volta?

Nonostante le infiltrazioni d'acqua gli inquirenti hanno trovato un indizio

07 aprile 2016
Guarda anche: Varese Città
lidiamacchi

Un capello. Da qui parte la caccia al Dna dell’assassino di Lidia Macchi: è esattamente questa la traccia più importante trovata dagli anatomopatologi che stanno analizzando il corpo della studentessa varesina, riesumato dopo 29 anni di riposo nel cimitero di Casbeno.

La bara non si è presentata in condizioni perfette e l’acqua l’ha pesantemente deteriorata negli anni: tuttavia una traccia c’è. E gli inquirenti non hanno fretta: le analisi saranno lunghe (forse anche 4-5 mesi) e minuziose, vista l’altissima difficoltà del caso. Intanto Stefano Binda tace. E i tanti amici di allora, di Lidia come di Stefano, tacciono a loro volta. Nessuno si ricorda, o nessuno vuole ricordare, qualunque dettaglio utile a ricostruire uno dei più drammatici “gialli” italiani.

Tag:

Leggi anche:

  • Lidia Macchi: condannato all’ergastolo Stefano Binda

    Il processo si era riaperto nel 2015 quando Patrizia Bianchi, amica di Stefano Binda, si recò dagli investigatori affermando di aver riconosciuto la calligrafia dell’imputato nella lettera “In Morte Di Un’Amica”, recapitata a casa della famiglia Macchi il 10 gennaio
  • Omicidio Lidia Macchi, colpo di scena al processo

    Durante l’udienza del 12 aprile 2017, infatti, si è appreso che il 4 aprile un avvocato di Brescia è stato incaricato di rappresentare la persona (la cui identità è ancora anonima al momento) che avrebbe scritto la famosa lettera “In morte di un’amica”. La lettera,
  • Caso Macchi: è morto il papà di Lidia

    Giorgio, ricoverato da tempo all’istituto Molina, è spirato all’ospedale di Circolo per una crisi respiratoria: lascia la moglie Paola Bettoni e i figli Alberto e Stefania.
  • Caso Macchi: riesumato il corpo

    La squadra guidata dall’anatomopatologa Cristina Cattaneo cercherà ogni possibile traccia organica che possa collegare la salma a Binda o un altro assassino.