Caso Macchi: riesumato il corpo

All'alba di martedì l'azione nel cimitero di Casbeno

22 marzo 2016
Guarda anche: Varese Città
Macchi

All’alba di martedì 22 marzo, con un lavoro durato oltre tre ore, è stato riesumato il corpo di Lidia Macchi, la ragazza per il cui omicidio, avvenuto 29 anni fa, è ora imputato Stefano Binda, da oltre due mesi in carcere.

La squadra guidata dall’anatomopatologa Cristina Cattaneo cercherà ogni possibile traccia organica che possa collegare la salma a Binda o un altro assassino.

Tag:

Leggi anche:

  • Omicidio Lidia Macchi, colpo di scena al processo

    Durante l’udienza del 12 aprile 2017, infatti, si è appreso che il 4 aprile un avvocato di Brescia è stato incaricato di rappresentare la persona (la cui identità è ancora anonima al momento) che avrebbe scritto la famosa lettera “In morte di un’amica”. La lettera,
  • Caso Macchi: è morto il papà di Lidia

    Giorgio, ricoverato da tempo all’istituto Molina, è spirato all’ospedale di Circolo per una crisi respiratoria: lascia la moglie Paola Bettoni e i figli Alberto e Stefania.
  • Lidia Macchi: un capello è la chiave di volta?

    La bara non si è presentata in condizioni perfette e l’acqua l’ha pesantemente deteriorata negli anni: tuttavia una traccia c’è. E gli inquirenti non hanno fretta: le analisi saranno lunghe (forse anche 4-5 mesi) e minuziose, vista l’altissima difficoltà del caso. Intanto
  • Caso Macchi: nelle prossime settimane la riesumazione della salma

    I magistrati, allora, procederanno con la riesumazione del corpo di Lidia: l’anatomopatologa Cristina Cattaneo, probabilmente la più quotata professionista del settore in Italia, cercherà tracce biologiche che possano svelare la presenza di un altro Dna oltre a quello della vittima.