Regio Insubrica, Tognola: “Mi sorprendono le dichiarazioni della Lega”

Il consigliere provinciale ricostruisce la vicenda relativa all'ente

29 settembre 2015
Guarda anche: PoliticaVarese Città
Tognola

Il consigliere provinciale Alberto Tognola interviene in merito alla questione della Regio Insubrica, sulla quale poche ore fa la Lega Nord aveva emanato un comunicato stampa. Di seguito la replica del consigliere di Villa Recalcati:

«Le dichiarazioni del segretario provinciale delle Lega Nord Matteo Bianchi e del Consigliere regionale Francesca Brianza riguardanti la Regio Insubrica e riportate oggi dai media locali mi sorprendono. Sulla questione è infatti doveroso ristabilire la verità dei fatti. In qualità di delegato dal Presidente della Provincia Vincenzi ho partecipato all’ultima assemblea generale della Regio, avvenuta lo scorso 25 settembre, durante la quale è sono stati approvati sia il bilancio consuntivo 2014 che quello preventivo del 2015. E proprio l’approvazione del bilancio preventivo 2015 è la chiara dimostrazione che quanto sostenuto da Matteo Bianchi non risponde al vero. Nessun presidente di Provincia sta per “far saltare la Regio”. Durante l’assemblea poi è stata presentata anche la bozza di modifica ufficiale dello Statuto della Regio, inerente proprio le quoti sociali. La bozza è stata illustrata dal segretario della Regio Giampiero Gianella e prevede che tra i membri di diritto vi siano il Canto Ticino, le Regioni Lombardia e Piemonte, le Province di Varese, Como, Lecco, Novara, e VCO, la città di Lugano e una seria di istituzioni, associazioni ed enti pubblici e privati. E’ bene quindi sottolineare che la soluzione proposta del Consigliere Brianza di fatto è contenuta proprio nella bozza di modifica illustrata all’assemblea».

Tag:

Leggi anche:

  • Castelseprio: trenta giovani archeologi al lavoro nel sito Unesco

    Quello che sta interessando la casa longobarda in realtà non è il primo scavo e l’ultimo risale ormai agli anni Ottanta. Ora gli studenti, sotto la direzione scientifica dei docenti Silvia Lusuardi Siena, Marco Sannazzaro e Caterina Giostra lavoreranno sul restauro delle mura e delle pertinenze
  • Varese Pride: oltre duemila persone in una piazza a tinte arcobaleno

    All’insegna delle bandiere e dei palloncini arcobaleno, con un furgone adibito a carro in apertura, il corteo si è snodato da piazza Cacciatori delle Alpi a via Bernascone senza alcun tipo di problema, anzi all’insegna della musica e dei balli: decisamente variegata la partecipazione,
  • A piedi lungo la via Francisca del Lucomagno

    Le dichiarazioni. Gunnar Vincenzi, Presidente della Provincia di Varese: «Ho seguito questa proposta con grande interesse fin dall’inizio e sono convinto che nella nostra provincia ci siano le professionalità e le competenze utili per fare di questa idea un progetto concreto e utile alla
  • Mozione gender, Tognola: “Niente censura nelle biblioteche”

    In questo contesto il ruolo dalla Provincia si traduce come un servizio a favore delle biblioteche comunali di pubblica lettura e dei cittadini, quindi con un ruolo tecnico e di supporto, nel rispetto dell’autonomia delle singole amministrazioni e in collaborazione proficua con le figure