Referendum sulle trivelle: si vota il 17 aprile

Niente accorpamento con le elezioni, ma regna la confusione

29 febbraio 2016
Guarda anche: Italia
Trivelle

Nei giorni scorsi il capo dello Stato Sergio Mattarella ha firmato il decreto per svolgere il referendum popolare anti trivelle.

Pertanto nessun election-day con le amministrative, che avrebbe fatto risparmiare 350 milioni di euro, ma soprattutto avrebbe favorito una maggiore partecipazione dei cittadini alle urne: d’altronde, la legge 98/2011 impedisce accorpamenti del genere.

I quesiti referendari proposti erano in tutto sei. Inizialmente la Cassazione aveva accolto tutti i referendum proposti dalle dieci regioni, scese poi a nove per il ritiro della Regione Abruzzo: successivamente il governo, nella legge di Stabilità, ha introdotto una serie di modifiche che hanno ribadito il divieto di trivellazioni entro le 12 miglia. Pertanto la Cassazione ha valutato di nuovo i quesiti proposti e ha ritenuto ammissibile solo il sesto.

L’unico quesito ammesso nello specifico riguarda l’abrogazione della norma che prevede che le concessioni ed i permessi di estrazione rilasciati precedentemente, entro le dodici miglia in mare, siano validi sino all’esaurimento del giacimento. Ad oggi comunque non sarà più possibile iniziare alcun procedimento estrattivo entro le 12 miglia, infatti il quesito tocca solo le concessioni in essere.

“Non accorpare i referendum alle amministrative è una pura follia” ha dichiarato Michele Emiliano , presidente della regione Puglia e capofila di questa battaglia referendaria promossa dalle regioni. Mentre il consigliere dell’Emilia Romagna Gianni Bessi ha definito il referendum come il referendum della disoccupazione, augurandosi che non si raggiunga il quorum.

Ad ingarbugliare ulteriormente la vicenda sono i ricorsi promossi dalle regioni innanzi alla Corte Costituzionale sui conflitti di attribuzione. La suprema corte, il 9 marzo, dovrà essere chiamata a dirimere l’ammissibilità dei conflitti di attribuzione su due quesiti, esclusi dalla Cassazione a gennaio, sempre relativi alle norme di trivellazione. Qualora la Corte dovesse dare ragione alle regioni si dovrebbe passare alla fase di merito e non ci sarebbero più i tempi tecnici per sottoporre a referendum i restanti due quesiti che riguardano il piano delle aree, ovvero che le regioni vengano coinvolte nello strumento di pianificazione delle trivellazioni, e il coinvolgimento sempre delle regioni nella durata delle concessioni di sfruttamento sulla terraferma.

Mentre la palla viene rimbalzata fra Cassazione, Corte Costituzionale, Governo e Regioni i cittadini sono informati poco e male. E l’Italia più che la patria del diritto sembra il regno della confusione.

Tag:

Leggi anche:

  • Pallanuoto: la BPM Sport Management a Roma contro l’insidia Lazio

    Dopo le fatiche di Coppa torna il Campionato. Messo in cassaforte il risultato del match di andata (12-10 / ritorno in programma sabato 18 febbraio), domani la BPM Sport Management sarà a Roma dove, alla Piscina del Foro Italico, sfiderà la SS Lazio Nuoto per la 12ª giornata del Campionato di
  • Un campione olimpico a Varese: Jury Chechi

    Il sindaco di Varese Davide Galimberti, il vicesindaco Daniele Zanzi e il presidente del Consiglio comunale hanno incontrato questa mattina a Palazzo Estense il campione olimpico Jury Chechi. Il famoso ginnasta sta trascorrendo qualche giorno a Varese, città in cui da atleta si è allenato per
  • Euro Cup, semifinale: alla BPM Sport Management il primo round contro l’Oradea

    Grande spettacolo in vasca alle Piscine Manara. Nell’andata della semifinale di Euro Cup, la BPM Sport Management batte 12-10 (3-4, 3-4, 2-1, 4-1) il CSM Digi Oradea, rimontando nel quarto tempo lo svantaggio maturato nella prima parte di gara . Nell’altro match lo Jadran Carine Herceg Novi
  • Sabato 21 gennaio a San Vittore Olona va in scena la Cinque Mulini Studentesca

    È in programma sabato 21 gennaio a San Vittore Olona l’edizione numero 22 della Cinque Mulini Studentesca. Alla corsa campestre, che anticipa di un giorno la tradizionale e prestigiosa Cinque Mulini, sono attesi più di mille studenti delle scuole dell’Alto Milanese. L’iniziativa,