Referendum sulle trivelle: si vota il 17 aprile

Niente accorpamento con le elezioni, ma regna la confusione

29 febbraio 2016
Guarda anche: Italia
Trivelle

Nei giorni scorsi il capo dello Stato Sergio Mattarella ha firmato il decreto per svolgere il referendum popolare anti trivelle.

Pertanto nessun election-day con le amministrative, che avrebbe fatto risparmiare 350 milioni di euro, ma soprattutto avrebbe favorito una maggiore partecipazione dei cittadini alle urne: d’altronde, la legge 98/2011 impedisce accorpamenti del genere.

I quesiti referendari proposti erano in tutto sei. Inizialmente la Cassazione aveva accolto tutti i referendum proposti dalle dieci regioni, scese poi a nove per il ritiro della Regione Abruzzo: successivamente il governo, nella legge di Stabilità, ha introdotto una serie di modifiche che hanno ribadito il divieto di trivellazioni entro le 12 miglia. Pertanto la Cassazione ha valutato di nuovo i quesiti proposti e ha ritenuto ammissibile solo il sesto.

L’unico quesito ammesso nello specifico riguarda l’abrogazione della norma che prevede che le concessioni ed i permessi di estrazione rilasciati precedentemente, entro le dodici miglia in mare, siano validi sino all’esaurimento del giacimento. Ad oggi comunque non sarà più possibile iniziare alcun procedimento estrattivo entro le 12 miglia, infatti il quesito tocca solo le concessioni in essere.

“Non accorpare i referendum alle amministrative è una pura follia” ha dichiarato Michele Emiliano , presidente della regione Puglia e capofila di questa battaglia referendaria promossa dalle regioni. Mentre il consigliere dell’Emilia Romagna Gianni Bessi ha definito il referendum come il referendum della disoccupazione, augurandosi che non si raggiunga il quorum.

Ad ingarbugliare ulteriormente la vicenda sono i ricorsi promossi dalle regioni innanzi alla Corte Costituzionale sui conflitti di attribuzione. La suprema corte, il 9 marzo, dovrà essere chiamata a dirimere l’ammissibilità dei conflitti di attribuzione su due quesiti, esclusi dalla Cassazione a gennaio, sempre relativi alle norme di trivellazione. Qualora la Corte dovesse dare ragione alle regioni si dovrebbe passare alla fase di merito e non ci sarebbero più i tempi tecnici per sottoporre a referendum i restanti due quesiti che riguardano il piano delle aree, ovvero che le regioni vengano coinvolte nello strumento di pianificazione delle trivellazioni, e il coinvolgimento sempre delle regioni nella durata delle concessioni di sfruttamento sulla terraferma.

Mentre la palla viene rimbalzata fra Cassazione, Corte Costituzionale, Governo e Regioni i cittadini sono informati poco e male. E l’Italia più che la patria del diritto sembra il regno della confusione.

Tag:

Leggi anche:

  • 2° gran fondo Tre Valli Varesine e 97° Tre Valli Varesine: due grandi eventi internazionali a Varese

    Presentati questa mattina in Camera di Commercio di Varese i prossimi eventi internazionali della Società Ciclistica Alfredo Binda: la 2° Gran Fondo Tre Valli Varesine che si terrà sabato 30 settembre e domenica 1° ottobre e la 97° Tre Valli Varesine in programma martedì 3 ottobre con
  • Tutti in bici per i Comuni

    In occasione della settimana europea della mobilità torna Sabato 23 settembre la fortunata iniziativa “TUTTI IN BICI PER I COMUNI”, in collaborazione con i Comuni di Vedano Olona e Venegono Superiore. Ritrovo in Piazza delle Tessitrici alle 14.00 per la registrazione. Partenza alle
  • Dal 27 settembre la grande pallanuoto a Busto Arsizio con la BPM Sport Management e la Len Euro Cup

    Al via della competizione ci saranno, oltre ai mastini di Busto Arsizio, anche i francesi del Montpellier e del Pays D’Aix Natation, i tedeschi dell’OSC Postdam, i croati dello Jadran Split, gli ungheresi dello FTC Budapest (squadra che nella scorsa stagione si era aggiudica la Len Euro Cup) e
  • Ierago con Orago, inaugurazione Palestra in acqua Cele Daccò

    Il Presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo interverrà domani, alle ore 10,30, alla cerimonia di inaugurazione dell’impianto sportivo acquatico “Palestra in acqua Cele Daccò” di Jerago con Orago (Varese) situato in via Onetto 4, vicino all’area Feste del Comune. La