Possibile chiude la campagna referendaria

Numerosi appuntamenti nel Varesotto tra sabato e domenica per sottoscrivere gli otto quesiti della formazione di Pippo Civati

25 settembre 2015
Guarda anche: Politica
possibile

Sabato 26 settembre e domenica 27 settembre anche la provincia di Varese sarà protagonista dell’ultimo weekend di raccolta firme per indire i referendum sugli 8 quesiti proposti da Possibile (il movimento lanciato da Giuseppe Civati), ai quali hanno aderito numerosi soggetti politici e sociali (da Green Italia a Italia Nostra ai Radicali) nonché esponenti politici quali il deputato Alessandro Di Battista (M5S), Walter Tocci (PD), Nicola Fratoianni (SEL), oltre che profili di rilievo istituzionale come Gustavo Zagrebelsky.

«L’obiettivo è depositare le 500mila firme necessarie per indire i referendum entro il 30 settembre», spiegano Annamaria Guidi e Jacopo Zocchi, coordinatori dei comitati varesini di Possibile: «l’obiettivo è raggiungibile, tutto si deciderà nelle prossime ore. Si tratta perciò dell’ultima occasione per firmare e far scegliere agli italiani se vogliono o meno un Parlamento di nominati, un modello di sviluppo basato sulle trivellazioni in mare, meno diritti ai lavoratori e un’impostazione verticistica della scuola: noi crediamo che tutto ciò non vada bene e che, soprattutto, nessun cittadino abbia mai votato un simile programma elettorale».

I banchetti organizzati dai comitati varesini si articolano tra Saronno, Legnano e Varese.

Sabato 25 sarà possibile firmare a:
Varese, piazza Carducci, dalle 10 alle 20.
Saronno, piazza Libertà, dalle 9 alle 13.
Legnano, presso il mercato, dalle 9 alle 13.
Domenica 26:
Varese, piazza Carducci, dalle 10 alle 20.
Per informazioni
Annamaria Guidi 3381054436
Jacopo Zocchi 349 266 6323

Tag:

Leggi anche:

  • Cardano al Campo: Possibile inaugura la nuova sede

    Da questo mese infatti, Possibile, grazie anche alla disponibilità dei padroni di casa, trova una collocazione fisica: presso la Casa del Popolo di Cardano al Campo, in via Vittorio Veneto 1, al primo piano. “L’obiettivo” spiegano i vertici locali “non è solo quello di
  • Varese: è Possibile “legalizzare con successo?”

    Nella sua ultima Relazione Annuale la Direzione Nazionale Antimafia ha denunciato apertamente a proposito dell’azione di contrasto alla diffusione dei derivati della cannabis “il totale fallimento dell’azione repressiva”. In questo quadro la stessa DNA propone politiche di depenalizzazione
  • Possibile si presenta a Varese: “Galimberti punta al partito della nazione”

    Per ciò che riguarda il livello locale Possibile Varese ha presentato un documento in vista delle prossime amministrative con alcune proposte come ad esempio il consumo di suolo zero; gli investimenti sul digital divide, indispensabili volano di sviluppo; il registro cittadino per la dichiarazione
  • Possibile si scaglia contro il Pirellone illuminato

    Il Presidente ha inoltre utilizzato la facciata del Palazzo della Regione per promuovere l’evento, componendo mediante l’illuminazione delle finestre con la grande scritta “Family Day”, visibile da gran parte della città. I Comitati lombardi di POSSIBILE dichiarano il proprio disappunto