Patrizia Baffi si dimette da Presidente della Commissione d’inchiesta sul Covid-19

La sua elezione, con i voti della maggioranza più il suo, aveva scatenato fortissime polemiche soprattutto da parte del Pd e del Movimento 5 Stelle

05 Giugno 2020
Guarda anche: LombardiaPolitica

“Poiché credo fermamente nell’importanza della Commissione d’Inchiesta, che avrà il compito di fare chiarezza sull’emergenza sanitaria che ha tanto segnato la nostra regione e le nostre vite e che dovrà anche portare all’avvio di un percorso di revisione della riforma sanitaria regionale, per sanare le carenze del sistema e superare le debolezze che sono emerse in questi mesi, con la presente rassegno le mie dimissioni dalla carica di Presidente a far data da oggi, nella speranza che ciò possa contribuire a ristabilire un clima favorevole allo svolgimento dell’importante lavoro che ci aspetta”.

È quanto scrive Patrizia Baffi (Italia Viva) in una lettera indirizzata al Presidente del Consiglio regionale Alessandro Fermi, con la quale annuncia e rassegna le sue dimissioni da Presidente della Commissione regionale d’inchiesta sull’emergenza Covid-19.

Dopo le dimissioni dalla Commissione rassegnate venerdì scorso dai componenti del Partito Democratico, nel primo pomeriggio di oggi erano state formalizzate anche le dimissioni dei componenti del Movimento 5 Stelle.

“Per il buon esito dei lavori della Commissione d’inchiesta-conclude Patrizia Baffi- ritengo fondamentale la partecipazione e il contributo diretto di tutti i rappresentanti delle minoranze, senza i quali non ha nemmeno senso avviare e far partire la Commissione”.

Tag:

Leggi anche:

  • Turismo: da un sentiero tra i campi a un percorso ciclabile intorno a Milano

    Duemila anni dopo, il tratto lomellino della Via delle Gallie, che dall’antica Ticinum, ora Pavia, portava alle province d’Oltralpe attraversando l’attuale Piemonte, riprende vita. Un sentiero strappato ai campi, disboscando, pulendo i fossi, installando cartelli stradali e piantando
  • Riapre la Pinacoteca di Brera: ingressi gratis per tutta l’estate

    Riapre al pubblico martedì 9 giugno 2020 la Pinacoteca di Brera, dopo i mesi di chiusura per l’emergenza sanitaria da Covid-19. E con una novità che piacerà a tutti: l’ingresso sarà gratuito (con prenotazione obbligatoria) per tutta l’estate. Un’entrata con prenotazione
  • Ripartono i mercati agricoli di Cia Lombardia

    “Un modo per acquistare prodotti tipici, direttamente da chi li produce e li coltiva, rispettando quindi l’ambiente e favorendo l’economia agricola locale”, spiegano gli organizzatori. “Attraverso questo strumento è possibile far conoscere e valorizzare le produzioni del territorio,
  • Fase 2 a Milano, Sala “Non voglio fare sceriffo ma no impassibili”

    La fase 2 a Milano è ripartita con i bar aperti e i navigli pieni di gente. Il sindaco Beppe Sala vicino a nuove misure restrittive. “Non vogliamo fare né gli sceriffi o i giustizieri della notte ma non possiamo rimanere impassibili di fronte alle situazioni che stiamo vedendo”.