Mascioni, la Cisl: “Posizioni ancora distanti”

Trattativa in corso per ammorbidire gli esuberi

12 luglio 2016
Guarda anche: LavoroLuinese
mascionicuvio
Si è svolto oggi il primo incontro ufficiale in merito ai 118 esuberi dichiarati dal fondo Phi, proprietario della Mascioni.

Presente per conto della FEMCA Cisl dei Laghi Pietro Apadula, che racconta così la situazione: “Le posizioni tra le parti sono
ancora distanti. Noi chiediamo infatti un ulteriore anno di ammortizzatore sociale, con contratto di solidarietà. Così facendo
almeno 18 dei lavoratori posti in esubero dall’azienda potrebbero poi, con due ulteriori anni di Naspi, maturare i requisiti per andare
in pensione. In più negli anni a venire ci sarebbero altri lavoratori che arriverebbero a maturare poi i requisiti
pensionistici, si tratta di un’azienda anagraficamente abbastanza vecchia. Inoltre – aggiunge Apadula – Siamo disponibili anche ad
un accordo sulla mobilità, ma sempre sulla base dei criteri della volontarietà”.

Quale invece il punto di vista dell’azienda? “L’azienda dice no agli ammortizzatori sociali e ad un accordo di mobilità su base
volontaria, perché con precedente in questi sei mesi lo hanno sfruttato solo 27 persone. Ci hanno inoltre detto che potrebbero
pensare al contratto di solidarietà e ad un accordo di mobilità legato alla volontarietà e pensionabilità, utilizzando però i
criteri di legge qualora non si arrivasse a saturare il numero di esuberi previsto”.

La chiosa Apadula la riserva ad una possibilità vagliata negli scorsi mesi, ma per ora in ghiacciaia: “Abbiamo già avuto un
incontro in Provincia per chiedere un ulteriore anno di cassaintegrazione, quella sarebbe vera manna dal cielo. Sarebbe
infatti più semplice da gestire rispetto al contratto di solidarietà”.

Ad intervenire sul caso Mascioni anche Daniele Magon, segretario generale della FEMCA Cisl dei Laghi: “Data questa situazione,
veramente estremamente grave sia per il territorio che per le persone coinvolte, è necessario intervenga anche la politica. Quanto sta
accadendo alla Mascioni è il prosieguo di una crisi industriale che in questa parte della provincia ha già fatto perdere troppi posti di
lavoro. Non possiamo più stare a guardare questo degrado industriale che porta povertà e disagi a troppe famiglie. Abbiamo bisogno che
anche la politica comunale e provinciale intervenga per verificare tutte le possibilità che ci possano consentire di salvaguardare i
posti di lavoro e l’industria della nostra provincia, per garantire il benessere ed il futuro dei cittadini e delle famiglie.
Necessitiamo di una mano vera, perché la gente ha bisogno di una politica attiva sul territorio, capace cioè di intervenire in maniera adeguata a copertura di un sistema territoriale che sta andando a disperdersi”.

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio