Luvinate: variante al Pgt per abbattere l’edificabilità

Soddisfazione del sindaco Alessandro Boriani per un piano decisamente green

10 settembre 2015
Guarda anche: Economia
Boriani Alessandro Luvinate

“Si tratta di una scelta politicamente coraggiosa, perché a pochi mesi dal voto, che proponiamo ed assumiamo con convinzione: crediamo infatti nel bene del nostro territorio e nel crescente rispetto delle sue risorse ambientali, per oggi e per il futuro dei nostri figli e della nostra comunità di Luvinate”. Con queste parole il Sindaco Alessandro Boriani ha presentato la proposta di variante al Piano di Governo del Territorio, approvata lunedì 7 settembre scorso dal Consiglio Comunale con i voti favorevoli della maggioranza e del gruppo della lista “Lega Nord” e l’astensione del rappresentante della lista vicina al Partito Democratico.

EDIFICABILITA’ ABBATTUTA – “Si tratta di una variante che conferma la filosofia e l’impianto generale del PGT vigente votato dalla precedente Amministrazione e che ha dimostrato la sua efficacia in diversi contesti. Interveniamo invece in modo sostanziale su aspetti che si sono rivelati per noi fondamentali. In particolare – sottolinea il Sindaco – si andrà a creare un nuovo sub-ambito ad edificabilità zero che corrisponde a tutta la parte sud di Luvinate. Per quanto riguarda i terreni già parzialmente edificati, si procederà ad una sensibile riduzione delle potenzialità edificatorie residue, grazie ad alcune modifiche di carattere tecnico della normativa di piano. Viene confermata la disciplina riguardante buona parte delle Aree Speciali individuate dal vigente Pgt, cancellando tuttavia le prescrizioni relative ad aree non più ritenute strategiche”.

COERENTI ALLE AZIONI GIA’ ASSUNTE DAL CONSIGLIO COMUNALE – “Si tratta peraltro di scelte coerenti con gli atti già assunti da questo Consiglio Comunale. Ricordo la richiesta sostenuta all’unanimità di allargare l’area dell’Ente Parco anche a tutto il percorso lungo il torrente Tinella; ricordo la votazione del Piano di Emergenza Intercomunale che riconosce la fragilità idrogeologica della parte nord del paese, tra l’abitato ed i confini del Parco, che ha dimostrato segni di fragilità fino ad oggi inaspettati a seguito di alcuni eventi atmosferici di particolare intensità”.

APERTI AL DIALOGO – Gli atti di Pgt verranno depositati e pubblicati nelle modalità previste dalla legge e tutti i soggetti interessati potranno presentare proprie osservazioni e contributi migliorativi, che dovranno essere valutati e votati dal Consiglio Comunale in sede di approvazione del provvedimento definitivo. A decorrere dall’adozione, si applicano le misure di salvaguardia, che prevedono il rispetto delle norme più restrittive tra quelle del vigente Pgt e quelle appena adottate.

Tag:

Leggi anche:

  • Draghi Valle Olona: a settembre una nuova avventura per il Minibasket

    Partirà a Settembre una nuova avventura per il Minibasket grazie alla collaborazione tra Polisportiva Sportpiu, Scuola Basket Castellanza e A.S.D. Draghi Gorlazy di Gorla Maggiore: la Scuola Minibasket Draghi Valle Olona, il primo centro sovraterritoriale della zona! Il Progetto concretizza
  • Riqualificazione del campo da rugby di Giubiano, accordo firmato

    Questa mattina a Roma è stata firmata la convenzione tra il Coni e i 32 Enti locali che hanno presentato, e sono stati selezionati, nell’ambito del bando “Fondo Sport e Periferie”, dedicato alla riqualificazione degli impianti sportivi italiani. Tra i comuni presenti a Roma c’era anche
  • Un percorso mondiale per la 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine

    La 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine, in programma a Varese sabato 30 settembre (crono) e domenica 1° ottobre (gran e medio fondo) sarà una gara da non perdere. Entrata da quest’anno nel circuito UCI GRAN FONDO WORLD SERIES la Gran Fondo Tre Valli Varesine 2017 sarà una prova
  • Sanità: illustrato il modello di inclusione dell’Associazione Special Olympics

    Promuovere sempre di più lo sport come mezzo di inclusione sociale per i disabili intellettivi anche gravi e valutare anche la possibilità di individuare un riferimento regionale per la formazione di allenatori e istruttori dello sport unificato (l’attività motoria e sportiva fatta